Pattinaggio di figura, Campionati italiani: stella Russo! conferma per Cappellini/Lanotte. Sorpresa Marchei/Hotarek

valentina-marchei-hotarek-ondrej-pattinaggio-di-figura-luca-renoldi-photo.jpg

Sono terminati proprio ieri i Campionati italiani di pattinaggio di figura, giunti alla centesima edizione. Tante le conferme, ma anche le sorprese. Analizziamo ogni categoria.

In campo femminile ha trionfato forse un po’ a sorpresa, ma meritatamente, Giada Russo: la campionessa torinese ha pattinato due programmi pressoché puliti e ha mostrato un buon lato espressivo e artistico. Data la giovane età, sicuramente potrà crescere ancora e migliorarsi: il futuro azzurro è suo! Prima della gara si aspettava la vittoria di Roberta Rodeghiero, in gran spolvero durante la prima parte di stagione: l’atleta del Sesto Ice Skate ha comunque portato a casa un argento. Si è confermata di livello Micol Cristini, già campionessa italiana juniores, mentre una nota di merito va a Sara Casella: la pattinatrice di Courmayeur ha presentato un convincente libero ricco di elementi tecnici di valore, ma anche ben valutato dal punto di vista delle componenti. Rammarico invece per Guia Tagliapietra e Carol Bressanutti, che non sono riuscite a terminare in modo pulito né il lungo né il corto.

Nella danza si sono espressi al massimo i campioni del mondo, Anna Cappellini e Luca Lanotte: il duo italiano ha presentato due programmi ben collaudati e molto convincenti. Tutto questo fa ben sperare in vista dei prossimi Campionati Europei. Anche Charlène Guignard e Marco Fabbri hanno pattinato sia il corto che il libero di alto livello: potranno aspirare ad entrare nelle migliori cinque o sei coppie in campo continentale. Misato Komatsubara e Andrea Fabbri in questa stagione hanno lavorato molto e hanno decisamente meritato questo podio. Da ricordare anche Ekaterina Riazanova e Simone Vaturi e Federica Bernardi e Saverio Giacomelli: tutti gli atleti sono alla prima stagione insieme ed sono già visibili i progressi.

Tra le coppie di artistico hanno sorpreso per la tenacia e la voglia di affermarsi Valentina Marchei e Ondrej Hotarek, che sono riusciti a conquistare il loro primo titolo insieme. Sicuramente gli azzurri potranno continuare in futuro a raggiungere risultati prestigiosi, se continueranno ad allenarsi e a lavorare così. Grande rammarico per Nicole Della Monica e Matteo Guarise, che forse a causa dell’ansia non sono apparsi al massimo della forma: un vero peccato per il duo italiano, che invece durante questa stagione aveva dimostrato di potersi collocare tra le migliori coppie a livello europeo. Sono invece ancora giovanissimi Alessandra Cernuschi e Filippo Ambrosini, che nei prossimi anni potranno crescere ancora.

In campo maschile Ivan Righini, dopo un buon corto,  ha pattinato un libero pieno di errori e cadute, come anche nelle tappe di Grand Prix a cui ha preso parte. Vedremo se ai Campionati Europei riuscirà a dar prova delle sue vere capacità. Grande merito invece per Matteo Rizzo, che, a differenza di Righini, nel lungo è apparso sicuro e pulito. Carlo Vittorio Palermo si è classificato terzo: il pattinatore italiano ha commesso qualche sbavatura nel secondo segmento di gara.

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

eleonora.baroni@olimpiazzurra.com

Foto: Luca Renoldi- www.lucarenoldiphoto.com

Lascia un commento

Top