Nuoto, Mondiali Doha 2014: tante stelle ai blocchi di partenza

image21.jpg

È inutile negarlo, il Campionato Mondiale in vasca corta non potrà mai avere il fascino della competizione iridata su distanza olimpica, della quale è, di nome e di fatto, il fratello minore. Stare a parlare delle assenze, però, è totalmente inutile, e tanto vale concentrarsi sui numerosi atleti di grande qualità che saranno presenti da domani nella piscina di Doha, visto che delle medaglie mondiali ed il cospicuo montepremi messo in palio fanno gola a tanti.

Tra le squadre che si presentano più al completo c’è proprio l’Italia, che potrà contare sulla sua regina, Federica Pellegrini, che da sola sa capitalizzare l’attenzione di tutti gli appassionati dello Stivale, ma anche sulla stella nascente del mezzofondo, Gregorio Paltrinieri, e su un Fabio Scozzoli che farà il suo rientro in una grande manifestazione internazionale dopo la risoluzione dei problemi fisici che lo hanno tenuto lontano dagli Europei berlinesi di questa estate. Un trio che potrebbe contribuire a migliorare il bottino di due ori e due argenti conquistato due anni fa ad Istanbul.

In piena ricostruzione tra ritiri e problemi fisici, dall’altra parte delle Alpi la Francia punterà tutto su un singolo atleta, Florent Manaudou, già protagonista a Berlino con le sue quattro medaglie d’oro. Lo sprinter francese dovrebbe prendere parte a cinque prove individuali ed alla staffetta veloce, anche se la sua presenza sui 50 metri dorso non è ancora stata confermata. Proprio la staffetta 4×50 metri stile libero maschile sarà uno dei punti di forza della spedizione dei Bleus. Al femminile, Charlotte Bonnet potrebbe essere una delle avversarie più accreditate per Feerica Pellegrini, mentre Mélanie Hénique sarà una possibile medagliata sui 50 metri farfalla.

La gara dei 50 metri stile libero sarà tra le più attese: a sfidare il già citato Manaudou ci saranno infatti il brasiliano Cesar Cielo Filho ed il russo Vladimir Morozov, che sicuramente vorrà rifarsi dopo un Campionato Europeo in vasca lunga non del tutto soddisfacente. Due anni fa fu Morozov a sconfiggere Manaudou, ma il campione olimpico punta a prendersi la rivincita al più presto.

Squadra competitiva anche per la Germania, con Steffen e Markus Deibler che rappresenteranno le migliori chance di medaglia, mentre per il resto del continente europeo saranno da tenere d’occhio la svedese Therese Alshammar ed il serbo Velimir Stjepanović, grande rivelazione degli Europei di Berlino, dove ha vinto i 200 ed i 400 metri stile libero, che nuoterà quasi in casa essendo nato ad Abu Dhabi. Impossibile non citare, poi, l’ungherese Katinka Hosszú, che tenterà ancora una volta di collezionare medaglie a man bassa.

Non saranno molti, invece, i protagonisti provenienti dagli altri continenti: gli Stati Uniti, infatti, boicotteranno la rassegna vista la corrispondenza con i Campionati Nazionali in vasca corta, anche sa sarà presente Natalie Coughlin, mentre dall’Australia arriverà una formazione rimaneggiata guidata da Emily Seebohm, due volte campionessa olimpica con la 4×100 metri stile libero. Oltre al già citato Cesar Cielo, quindi, uno dei protagonisti extraeuropei potrebbe essere il sudafricano Ronald Schoeman, grande specialista della vasca da 25 metri, ma soprattutto sarà da tenere d’occhio il suo connazionale Chad Le Clos.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top