Hockey prato femminile: le azzurre crescono giorno dopo giorno, Rio è tutt’altro che impossibile

579c01bb82d941dc19aca50cf07919cc_XL1.jpg

Prosegue al Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti di Roma il progetto Rio 2016 per la nazionale femminile di hockey su prato. In questi giorni stanno arrivando i primi frutti: la grande mole di lavoro sotto gli ordini del ct Fernando Ferrara e del suo staff, sta funzionando e lo si vede con i risultati. Nelle prime quattro amichevoli su cinque da giocare contro la nazionale indiana, le azzurre si sono aggiudicati due test, pareggiandone un altro. E da dire c’è che l’India non è una squadra sprovveduta, anzi: le asiatiche ci precedono di quattro posizioni nel ranking mondiale e nell’ultimo torneo preolimpico (2012) hanno fatto fuori proprio le azzurre.

“Rispetto al 2012 abbiamo sicuramente maggiore consapevolezza di ciò che possiamo e vogliamo fare. Noi desideriamo alzare continuamente il nostro livello e lavoriamo per questo. Piano piano stiamo crescendo e dimostriamo a noi stesse, e a chi viene a vederci, che il 17esimo posto nel ranking ci sta stretto. Sono state settimane molto intense, cariche di lavoro a livello atletico e tecnico e credo che stiamo dimostrando sul campo i buoni risultati di quanto fatto. Dobbiamo continuare così”. Le parole alla FIH del capitano Chiara Tiddi.

Queste partite con l’India sono un ottimo test, in considerazione del ranking e possono essere il nostro trampolino di lancio. Fare bene serve a caricarci e a convincerci delle nostre potenzialità. Personalmente mi sento molto più tranquilla e sicura, anche con la squadra. Ci sono stati miglioramenti in ogni singola giocatrice e in tutti i settori. La difesa è migliorata un sacco e anche in attacco facciamo tanti gol; si vede che stiamo lavorando e l’arrivo dei risultati è la cosa che fa più piacere”. Le parole alla FIH del portierone azzurro Martina Chirico.

Allora (nel preolimpico 2012, ndr) eravamo all’inizio di un nuovo ciclo con la nazionale; quella di Delhi era una squadra senza questa esperienza, questa consapevolezza e questo senso di appartenenza, che stava solo iniziando. L’esperienza acquisita e gli allenamenti quotidiani, che ci servono ci stanno dando i risultati che vediamo. Volevamo vincere la serie di amichevoli, ma il risultato conta fino a un certo punto: è molto più importante l’atteggiamento delle ragazze, capaci di reagire con orgoglio e ordine, brave a mettere nel mirino risultato e prestazione. Mi mancava una giocatrice importante per i meccanismi difensivi come la Wybieralska (assente per infortunio, ndr), dovrò fare a meno di Aguirre per un po’ di tempo, ma l’Italia dimostra, giorno dopo giorno, di crescere e di essere pronta alle sfide di altissimo livello che ci condurranno alle qualificazioni per le Olimpiadi di Rio 2016”. Le parole alla FIH del ct azzurro Fernando Ferrara.

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo 
Clicca qui per seguirci su Twitter 
Clicca qui per mettere “Mi piace” a Hockey Italia
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Foto: FIH

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top