Hockey ghiaccio: arriva la Polonia, l’Italia ritorna a Milano dopo 8 anni

Sullivan-IMG_0593-copia.jpg

Tutto pronto a Milano dove dopo otto anni di assenza si rivedrà in campo la nazionale azzurra. Venerdì 19 alle ore 18:15 e sabato 20 dicembre alle ore 18:30, il Blue Team sfiderà in due amichevoli la Polonia, già affrontata qualche settimana fa durante l’Euro Hockey Challenge di Budapest, manifestazione in cui i polacchi si imposero 3-2. Rispetto al roster sceso sul ghiaccio magiaro, la compagine italiana avrà un’età media superiore e potrà disporre degli oriundi Giulio Scandella, Vincenzo MarozziDaniel Sullivan.

“Vogliamo testare il maggior numero di giocatori e tutti i convocati avranno la possibilità di giocare in questa doppia sfida contro la Polonia – dichiara coach Zanatta, il quale ha dovuto fare i conti con qualche defezione – Alcuni atleti che abbiamo portato in Ungheria, lo scorso novembre, hanno dovuto declinare l’invito perché impegnati con i loro rispettivi club in alcuni campionati europei di livello e ciò onora l’hockey italiano. Al tempo stesso abbiamo dato la possibilità ad altri giocatori di provare la Nazionale per vedere le loro reali capacità in campo internazionale.”

Le impressioni di Borgatello e Caletti raccolte da Fisg.it

Christian Borgatello: Sono molto orgoglioso per questa chiamata in Nazionale. Finché posso dare il mio contributo ed aiutare la squadra sono a disposizione del nuovo coaching staff. Credo che la strada intrapresa sia quella giusta” continua il terzino meranese “ricostruire la nazionale cercando di trovare anche nuovi elementi che possano essere valorizzati nel tempo. Il processo non sarà immediato ma già altre nazioni hanno intrapreso questa via e si vedono già i frutti. Io posso solo dire che metto la mia esperienza al servizio degli allenatori e dei compagni di squadra – spiega con orgoglio Borgatello – Il mio obbiettivo come è logico è fare bene anche in una doppia amichevole contro gli avversari che saranno poi una delle nazionali da sconfiggere ai prossimi Mondiali. Voglio essere a Cracovia, la sede appunto dei prossimi mondiali, coaching staff permettendo chiaramente, per poter dare il mio contributo ed aiutare gli altri giocatori. Giocare a Milano è stato sempre molto stimolanteil pubblico ti fornisce una grande energia ed è molto coinvolto nella partita. Questa è un’ulteriore scossa per tutti coloro che giocheranno a Milano contro la Polonia“.

Edoardo Caletti: Sono contento di essere stato nuovamente convocato – esordisce con orgoglio Edo – onestamente ci speravo ma non ero sicuro di riuscire ad esserci ancora dopo l’infortunio che ultimamente mi ha tenuto fuori per due settimane, un periodo che forse mi è servito per ricaricare le pile, anche in vista di un impegno così importante in maglia azzurra“.

Sul ritorno del Blue team a Milano l’attaccante non ha dubbi: “Certamente, il pubblico di Milano è appassionato e competente. Merita queste due partite e ci può dare una grossa spinta contro una Polonia che ci ha battuto nella prima uscita stagionale a Budapest – spiega con entusiasmo il milanese – certo, la squadra era un po’ diversa rispetto a questa, più giovane e tutta da scoprire, e per questo credo che possiamo fare meglio anche se non abbiamo certo sfigurato nella passata occasione“.

Informazioni e biglietti per le due amichevoli

Biglietto Unico, valevole per i due incontri: Intero 15 euro, Ridotto 8 euro

Biglietto Singolo, valevole per un incontro: Intero 10 euro, Ridotto 5 euro

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Carola Semino

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top