Combinata nordica: il ritorno di Lamy-Chappuis, Costa 19°

lamych12.jpg

Dopo l’annullamento della parte di salto del mattino e il conseguente utilizzo del Provisional Competition Round di venerdì per determinare l’ordine di partenza nel fondo, la prima Gundersen individuale dal trampolino piccolo s’è concretizzata questo pomeriggio a Ramsau: torna alla vittoria Jason Lamy-Chappuis, a un anno di distanza dall’ultimo successo. Al termine di una gara tiratissima, l’Italia festeggia i primi punti della stagione grazie al 19° posto di Samuel Costa.

Su un anello di appena 1250 metri, ovvero la metà della dimensione abituale a causa dei problemi di innevamento dei giorni scorsi, parte in testa il russo Evgeniy Klimov, ottimo saltatore e fondista rivedibile, che resta al comando per tre degli otto giri previsti: un gruppo di venti atleti si ricompatta rapidamente, sotto la spinta di Mikko Kokslien, portandosi dunque in testa. Il forcing imposto a turno dallo stesso norvegese, da Lamy-Chappuis e dal leader di Coppa del Mondo Fabian Riessle inizia a produrre effetti verso metà gara, quando il plotone s’assottiglia passo dopo passo: questi tre e Rydzek si trovano a giocarsi il successo in volata, ma il ventitreenne di Oberstdorf cade e deve dunque lasciare ai rivali lo sprint, vinto con un colpo di reni da Lamy-Chappuis davanti ad un Kokslien tatticamente non ineccepibile. Terza piazza per Riessle, quindi Eric Frenzel e Jan Schmid.

Si diceva del piazzamento di Costa: il gardenese, scattato sesto grazie all’ottima performance nel salto di venerdì, mostra incoraggianti progressi anche sugli sci stretti, dove per almeno tre quarti di gara è stato in lizza per l’ingresso tra i primi 12. Trentaquattresimo posto per un Armin Bauer in rimonta, ma comunque fuori dalla zona punti. Eliminati nel Provisional Competition Round Alessandro Pittin e Lukas Runggaldier, non ripescati a causa delle ridotte dimensioni dell’anello.

foto: Benjamin Becker/Facebook Jason Lamy-Chappuis

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top