Ciclismo, Spagna: il <i>vuoto</i> dopo la generazione di Valverde e Contador?

Da tre anni, ormai, la Spagna domina le classifiche del World Tour: che sia individuale o per nazioni, gli iberici sono sempre al comando al termine della stagione agonistica del ciclismo su strada dopo aver conseguito successi importanti nell’arco di tutta la stagione.

Tre corridori, in particolare, hanno regalato gioie e soddisfazioni ai tifosi spagnoli: Alberto Contador, Alejandro Valverde e Joaquim Rodriguez. Tra grandi giri e classiche, passando per le corse a tappe di una settimana, questi atleti hanno conseguito risultati straordinari per qualità e costanza. Una generazione d’oro, che nel corso degli anni ha garantito risultati di prestigio ad un movimento che, per il resto, ha fatto vedere poco o nulla. Con l’avanzare degli anni, però, questi corridori sembrano ormai aver imboccato la parabola discendente della carriera, oppure sono prossimi a farlo.

Nel 2014 Joaquim Rodriguez ha faticato molto più rispetto alle due stagioni precedenti, mentre Alberto Contador una volta rientrato dalla squalifica per doping non ha più ritrovato le performance del 2009 e del 2010 e ha ormai 31 anni. Nel giro di un paio di stagioni, dunque, il suo rendimento potrebbe veramente calare, così come quello di un Valverde che è ormai sulla cresta dell’onda da quasi 10 anni, corsi quasi sempre a tutta e con molteplici obiettivi sull’arco dell’intera stagione. Chi potrà sostituirli nel ruolo di faro per la Spagna?

La risposta che sorge spontanea sarebbe: “Nessuno!”. La sensazione è che alle loro si sia creato un vero e proprio vuoto, nonostante la presenza di qualche buon corridore che però attualmente non sembra nemmeno lontanamente in grado di ripetere le gesta dei predecessori. Tra i giovani colui che finoa  questo momento ha dato i segnali più interessanti è sicuramente Ion Izaguirre. Dopo un paio di successi nel 2012, però, non è più riuscito a trovare la vittoria fino allo scorso giugno. Nelle ultime due stagioni, inoltre, si è di fatto trovato a fungere da gregario per quel Valverde di cui potrebbe diventare l’erede (e l’arrivo in parata ai campionati spagnoli ne sono una lampante dimostrazione) nel giro di un paio di stagioni. Un altro atleta interessante è Juan Jose Lobato, un velocista atipico che già alla Milano-Sanremo ha fatto vedere qualcosa di buono piazzandosi in quarta posizione. Anche lui alla Movistar, come Izaguirre, è chiamato però a fare un deciso salto di qualità considerando che fino a questo momento ha conquistato una sola vittoria da professionista.

Insomma, per la Spagna si prospettano tempi di vacche magre se qualche giovane atleta non dovesse trovare una competitività che, al momento, sembra lontana.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@olimpiazzzurra.com

Foto: Gianluca Santo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Alejandro Valverde Joaquim Rodriguez

ultimo aggiornamento: 03-11-2014


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia Cross: Gioele Bertolini inarrestabile, Chiara Teocchi firma la prima da Elite!

Ciclocross, Europei giovanili: i convocati azzurri