Ciclismo femminile: si ritira Giada Borgato

Il ciclismo femminile italiano perde un’atleta importante: Giada Borgato ha infatti deciso di appendere la bicicletta al chiodo.

25 anni compiuti a giugno, la padovana ne ha trascorsi di fatto 20 in sella, vivendo l’intera trafila nelle categorie giovanili prima di approdare, nel 2008, tra le élite: il momento più importante della sua carriera nella massima categoria è datato senza dubbio 20 giugno 2012, quando conquistò il titolo nazionale assoluto imponendosi per distacco, sul circuito della Valsugana, sulla lecchese Silvia Valsecchi.

Nell’ultima stagione, Giada, ragazza gentilissima e sempre sorridente oltre che atleta esemplare, ha corso con la divisa rosanero della Estado de Mèxico-Faren, conquistando sei piazzamenti nella top ten (tra cui due ottavi posti di tappa al Giro Rosa). La padovana, seconda atleta classe 1989 a ritirarsi nel giro di pochi mesi dopo Valentina Carretta, saluta tutti con il seguente messaggio sul proprio profilo Facebook:

Ciao a tuttiii! Oggi vi scrivo perché mi sembra giusto condividere con voi che seguite le mie avventure ciclistiche che dopo 19 bellissimi anni ho deciso di portare a termine la mia carriera sportiva.
Lascio con la massima serenità convinta di trovare nuovi stimoli al di fuori del ciclismo, sport che ho amato da quando sono nata e che mi ha dato grandi opportunità come quella di poter girare il mondo conoscere persone e usi diversi, mi ha dato l’opportunità di crescere ponendomi obiettivi facendo dei sacrifici che chi non è sportivo non comprende. Ho imparato a vincere un po’ meno a perdere ma ho imparato a gioire per le vittorie delle mie compagne e anche di qualche avversaria!
Mi sento fiera di aver fatto parte di questo mondo e ringrazio chi mi ha dato la possibilità di farne parte, in prima linea la mia famiglia poi tutte le squadre che mi hanno accolto e voi che mi avete sostenuto.
Continuerò a seguire il ciclismo femminile e voglio dire alle più giovani di sfruttare al massimo e continuare il “lavoro” di promozione che con fatica noi ragazze del gruppo abbiamo iniziato a fare in questi ultimi anni e grazie al quale il ciclismo femminile sta avendo sempre più credibilità e visibilità.
Finalmente iniziano a vedersi i primi risultati con la nascita di nuove importanti corse e sono sicura che nel prossimo futuro si vedranno grandi cose, quindi alle più giovani consiglio di continuare su questa strada senza aver paura di scontrarvi talvolta con le proprie squadre per i vostri diritti ma questo è proprio il passo base per un ciclismo veramente professionale! e io ci credo!
GRAZIE a tutti voi! ;-))
Giada

A lei, ovviamente, vanno i migliori auguri della redazione di Olimpiazzurra e di tutti gli appassionati di ciclismo per la nuova carriera che deciderà di intraprendere.

foto: pagina Facebook Giada Borgato/Flavio Sabbadin

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giada Borgato

ultimo aggiornamento: 12-11-2014


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, under 23: per Jakub Mareczko ben 13 vittorie nel 2014, a quota 8 Marini e Zmorka

Ciclismo su pista: azzurre in raduno a Montichiari