Volley, Mondiali 2014 – Italia, ci emozioni faticando: abbattuto l’Azerbaijan! Milano più vicina

AzerbaijanKaterinaZhidkovaspikesagainstItalyCaterinaBosettiItalyValentinaArrighettiandItalyNadiaCentoni.jpg

Si suda, si soffre, si fatica. Italia da brividi al PalaFlorio di Bari ma la nostra Nazionale non delude, sconfigge l’Azerbaijan per 3-1 (25-19; 25-21; 21-25; 25-23) nel primo incontro della seconda fase del Mondiale, sale a 10 punti in classifica e fa un deciso passo verso la qualificazione alla terza fase.

Le azzurre sono ora al secondo posto nella Pool E (Cina al comando con 11 punti) e hanno ben quattro lunghezze di vantaggio sul Giappone, fermo al quarto post. Domani si torna in campo per sfidare il Belgio: un successo ci permetterebbe di vedere Milano ancora più da vicino…

 

Bonitta rivoluziona ulteriormente il sestetto titolare. Del Core e Costagrande recuperano definitivamente dai problemi alle caviglie e sono le nostre schiacciatrici di riferimento; Valentina Diouf opposto, Centoni in panchina. Per il resto tutto ovviamente confermato con Lo Bianco in palleggio, Chirichella e Arrighetti centrali, De Gennaro il libero.

Le azzurre partono a razzo: servizio a bomba, attacco reattivo, difesa concreta, pochi errori. Sugli scudi una scatenata Del Core e Arrighetti. Si va sul 2-0 in un amen e le ragazze ci fanno intravedere una facile risoluzione della contesa. Purtroppo non sarà così: si cala di intensità dai 9 metri, la ricezione soffre troppo, Rahimova si scatena.

Il CT inizia a cambiare lo scacchiere: modificata la diagonale, in precedenza dentro Bosetti al posto di Costagrande. Le avversarie accorciano sull’1-2, l’attacco azzurro tracolla nel quarto set, percentuali al minimo ma nonostante questo rimaniamo in partita grazie a dei salvataggi pazzeschi di De Gennaro. La reazione d’orgoglio non manca, si ricuce l’ultimo break, entra anche la capitana Piccinini ed è lei a dare il là alla vittoria.

Top scorer una sontuosa Arrighetti (16 punti, 3 muri, 2 aces, ha messo a terra i punti che hanno chiuso tutti i set), da elogiare Del Core (soprattutto per il primo set, 14), Diouf è andata in difficoltà in fase offensiva ma ha spinto bene al servizio.

 

Nel primo set c’è tutta l’Italia: grinta, tecnica, attacco fenomenale, servizio superlativo e risolutore, strenua difesa, sbavature ridotte al minimo. L’Azerbaijan non ha mai respiro e il parziale non è mai in discussione. Partenza arrembante con gli aces di Chirichella e Diouf (2), Del Core in cattedra. La schiacciatrice napoletana detta i tempi, fa la voce grossa in attacco (5 punti, 81%) e in ricezione, camuffandosi da centrale anche in un paio di occasioni. Leo Lo Bianco smista in maniera eccellente, Arrighetti brilla grazie a delle belle b e spetta a lei chiudere il parziale. Da rilevare un clamoroso errore dell’arbitro che ha visionato il videocheck: sul 14-12 c’è una netta invasione azera e Bonitta chiede la moviola; le immagini danno ragione al nostro CT, ma clamorosamente l’addetto crede che quelle mani siano azzurre, non capendo che la videocamera era girata; servono le migliori proteste per ritornare sulla decisione…

Il dominio prosegue anche nel secondo set e sempre sulla stessa lunghezza d’onda: grandissimo servizio, superlative difese con una scatenata Monica De Gennaro, Del Core picchia duro, Lo Bianco inizia a giocare qualche primo tempo in più e così Chirichella entra meglio nel match, trovando i muri che erano mancati in precedenza. A chiudere è ancora un tocco delizioso di Arrighetti.

 

L’Italia cala di intensità nel terzo set. Il servizio non riesce a impensierire le avversarie come in precedenza e l’Azerbaijan vola avanti spingendo forte a muro e in attacco. Bosetti sostituisce Costagrande sul 3-5 e mette subito a segno un punto, ma poi va subito in difficoltà insieme al resto della squadre che commette troppi errori.

Sarà un po’ il leit-motiv del parziale: le azzurre finiscono sotto, poi rientrano ma ricadono. Sul 15-9 per le nostre avversarie, Bonitta sceglie di utilizzare il doppio cambio: dentro Centoni e Signorile, fuori Diouf e Lo Bianco. Le cose vanno meglio: grazie a una sgasata di Del Core, a un muro di Arrighetti, a un ace di Centoni e a un po’ di sfortuna le azzurre si riportano sul 16-17. Nuovo allungo azero sfruttando un’incomprensione al video-challenge (16-20), Bosetti e Chirichella brave a riportarci sul 21-22 poi il crollo finale.

 

Quarto set difficilissimo. Black out in ricezione, troppi errori, attacco ai minimi termini, stato confusionario. L’Azerbaijan balza sul 12-8, poi 16-12: errori di Diouf, non mettiamo giù la palla. Bonitta cambia la diagonale e qui l’Italia compie il miracolo: fortunatissimo bagher-punto, muro Arrighetti, due errori avversari, Centoni per il 18-19. Entra Piccinini ci porta a una lunghezza (20-21), Chirichella attacca su gran servizio di Bosetti e pareggia la contesa, poi Piccinini ci regala il match point e alla seconda chiude Arrighetti con un primo tempo.

 

(foto FIVB)

 

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “La chiamano pallavolo, io la chiamo vita”

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “La pallavolo, vita”

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “Capitan Savani”

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “Ivan Zaytsev

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “Francesca Piccinini FC”

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “Cristina Chirichella Fans Page”

Lascia un commento

scroll to top