Pattinaggio di Figura, Skate America: tutti i risultati della prima tappa

charlene.guignard.marco_.fabbri.luca_.renoldi.photo_.patttinaggio.artistico.2.jpg

La prima tappa di Grand Prix di pattinaggio di figura, che si è svolta a Chicago è terminata e l’Italia ha portato a casa la sesta posizione di Charléne Guignard e Marco  Fabbri.

Nella danza il duo azzurro aspirava al podio, ma nel programma corto ha commesso un errore sui twizzles, che hanno ottenuto solamente il livello due con grado di esecuzione negativo. Nel secondo segmento di gara i pattinatori di stanza a Milano sono riusciti a risalire di una posizione, grazie agli ottimi elementi di livello quattro proposti nel libero, come un sollevamento e  la trottola combinata, nonostante due punti di detrazione per due sollevamenti durati più del tempo previsto. Gli atleti allenati da Barbara Fusar Poli si sono classificati alla fine sesti con il quinto libero: la coppia ha meritato il punteggio totale di 135.50. Li rivedremo tra qualche settimana al Trophée Bombard, in Francia. Spiccano sul gradino più alto del podio con una gara regolare, che li ha visti al comando in entrambi i programmi, Madison Chock e Evan Bates: i padroni di casa hanno toccato per la prima volta quota 100 punti nel libero, per la precisione 102.07. Grande la qualità espressa dal duo allenato da Igor Shpilband, che ha meritato nel totale 171.03. Argento per i connazionali Maia e Alex Shibutani con 160.33, mentre completano il podio i giovanissimi Alexandra Stepanova e Ivan Bukin con 143.87.  Federica Testa e Lukas Csolley, complice una caduta, arrivano settimi: gli slovacchi meritano il punteggio di 131.72.

Successo di Tatsuki Machida in campo maschile: il giapponese è riuscito a completare sia nel corto sia nel libero quadruplo toeloop ed ha conquistato il punteggio di 269.09.  Jason Brown ha chiuso invece la gara di casa in seconda posizione con 234.17: il campione americano non è riuscito ad eseguire il quadruplo nel lungo, su cui è caduto. Bronzo per il giovanissimo canadese Nam Nguyen con 232.24: il campione del mondo junior ha rimontato dal settimo posto. Ai piedi del podio si classifica il bronzo olimpico di Sochi, il kazako Denis Ten, che, nonostante i numerosi piazzamenti importanti a livello internazionale, non ha ancora vinto una medaglia in una tappa di Grand Prix.

Elena Radionova, classe 1999, conquista la sua prima tappa di Grand Prix senior con il 195.47: altissimo il livello tecnico della campionessa del mondo juniores russa, che riesce a superare la connazionale Elizaveta Tuktamisheva, già in grande rispolvero nelle competizioni precedenti.  Per quest’ultima punteggio di 189.62. Terza l’americana Gracie Gold, che ha macchiato il corto con un errore sulla trottola finale e ha commesso alcune imprecisioni sui salti nel libero: merita 179.38 con il miglior punteggio per quanta riguarda le componenti del programma. Medaglia di legno per l’altra statunitense, Samantha Cesario con 174.58.

Tra le coppie di artistico trionfo dei redivivi Yuko Kawaguti e Alexander Smirnov, che sono stati fermi più di un anno a causa di un infortunio: i russi sono rimasti al comando per tutta la gara e hanno completato il quadruplo salchow lanciato e la combinazione di salti in parallelo, triplo toeloop-triplo toeloop. Il duo raggiunge il punteggio di 209.16. Secondo posto con 183.84 per i giovani americani allenati da John Zimmerman e Silvia Fontana, Haven Denney e Brandon Frazier: gli atleti di stanza in Florida hanno realizzato un ottimo triplo twist. Sul terzo gradino si posizionano Cheng Peng e Hao Zhang con 182.43: i cinesi hanno presentato il quadruplo twist. Giungono quarti con uno splendido triplo flip lanciato, i padroni di casa Alexa Scimeca e Chris Knierim con 168.62.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

eleonora.baroni@olimpiazzurra.com

Foto: Luca Renoldi photo www.lucarenoldiphoto.com

 

 

 

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top