Ciclismo su pista, Europei 2014: il quartetto femminile al quinto posto

ciclismo-su-pista-italia-inseguimento.jpg

Nel caldo velodromo di Baie Mahault, in Guadalupa (Oltremare francese), l’Italia apre i Campionati Europei di ciclismo su pista con il quinto posto dell’inseguimento femminile:  il quartetto composto da Elena Cecchini, Simona Frapporti, Tatiana Guderzo e Silvia Valsecchi chiude in 4:48.119, a fronte del 4:47.279 della Germania, mentre sembra inarrivabile il crono della Gran Bretagna (4:40.289) seguita a debita distanza dalla Russia (4:44.000). Più vicina la Lituania (4:46.703).

In ogni caso, con il nuovo regolamento le prime quattro nazioni si sfideranno, oggi pomeriggio, in due batterie dalle quali emergeranno le finaliste per l’oro: le due perdenti, assieme agli altri quattro team delle migliori otto (dunque anche l’Italia) che saranno nuovamente in pista in ulteriori due batterie, verranno prese in considerazione per la finale terzo/quarto posto, alla quale accederanno, dunque, la terza e la quarta formazione migliore del “secondo turno” odierno.

Nel maschile, sembrano invece essere i britannici (4:12.022) e la Germania (4:13.975) ad avere le chance migliori giocarsi i due gradini più alti del podio, con Svizzera e Olanda (4:15.997) favorite nella lotta per il bronzo; più distante l’Italia, che ha chiuso in settima posizione in 4:19.030 (Liam Bertazzo-Alex Buttazzoni-Marco Coledan-Elia Viviani), un piazzamento che comunque lascia gli azzurri ancora in gioco per il terzo gradino del podio.

foto FCI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

3 thoughts on “Ciclismo su pista, Europei 2014: il quartetto femminile al quinto posto”

  1. ale sandro scrive:

    Marco , per chi può interessare lascio il live timing a disposizione
    http://www.trackcyclingtiming.com/
    Riguardo le gare, credo influiranno sui tempi e risultati in generale un po’ anche le caratteristiche del velodromo, scoperto e di lunghezza “classica” di 333.33 metri, come accadeva quasi sempre fino ai primi anni dell’era open, invece dei velodromi coperti di 250 metri dell’ultima decina d’anni.
    In ogni caso piazzamenti discreti per i nostri, un po’ di rammarico per le ragazze davvero vicine alla zona podio. Sembrerebbe che Salvoldi voglia puntare molto sull’esperienza in questo quadriennio, e anche a sto giro Bartelloni farà solo la gara individuale. Almeno qualche punticino in chiave mondiali 2015, e indirettamente per il ranking olimpico , è stato portato, anche se i quartetti hanno ancora tanto da fare.

    1. Marco Regazzoni scrive:

      Intanto ho modificato l’articolo perché, alla luce di alcune novità regolamentari ben poco comunicate (la stessa FCI, nei giorni scorsi, le aveva totalmente trascurate), i due trenini azzurri hanno ancora la possibilità di accedere alla finalina per il bronzo. In ogni caso sì, è un velodromo impegnativo e soprattutto molto caldo dal punto di vista della temperatura. Per i giudizi sugli azzurri rimando allora ai risultati finali, che dovrebbero arrivare in serata 😉

      1. ale sandro scrive:

        Cavoli, me ne sono reso conto guardando il programma di oggi! 😀
        E vedendo che tra le iscritte c’erano proprio Bartelloni e Confalonieri al posto di Cecchini e Frapporti. Che dire, un ritorno parzialmente al passato con il secondo turno a 8 squadre. La Federazione ormai non mi stupisce nemmeno più. Bene han fatto azzurri e azzurre a entrare nelle otto, speriamo allora che migliorarino la posizione stasera.

Lascia un commento

Top