Ginnastica, Serie A: la Brixia vince! Ferrari da record, super Fasana, sorprese sul podio!


Ne abbiamo viste di tutti i colori a Torino, dove è appena terminata la seconda tappa della Serie A1 di ginnastica artistica.

Vince ovviamente la Brixia Brescia come da pronostico, con un dominio imbarazzante: sette punti di vantaggio sulla seconda classificata. La Leonessa con 163.950 punti, bissa il successo di Firenze e ipoteca la conquista dello scudetto, quando manca solo la finale di Desio (5 aprile). Clicca qui per la cronaca maschile.

 

A brillare è stata una fantasmagorica Vanessa Ferrari. Poco prima dell’inizio della gara è stato comunicato che la bresciana non avrebbe gareggiato all’amato corpo libero, dopo aver realizzato la miglior prestazione mondiale stagionale in Coppa del Mondo.

Non importa perché la nostra Cannibale trova il modo di mettersi incredibilmente in mostra e pesca nella trave il botto di giornata. Ritorna il teso, l’esecuzione è perfetta, le combinazioni eccellenti, con ampiezza e alta artisticità, la chiusura è di rilievo e i giudici la premiamo con un vertiginoso 14.750. Questa è la seconda miglior prestazione mondiale stagionale, solo alle spalle del 14.850 della Baumann (ai WOGA). Soprattutto è riuscita a incrementare ulteriormente il proprio D Score partendo da 6.1.

 

Erika Fasana conferma di essere tornata ad altissimi livelli e vince il concorso generale individuale con una prestazione maiuscola su tutti gli attrezzi (ed è la migliore su tutti, tranne alla trave), senza commettere evidenti errori. Il picco del pomeriggio arriva al volteggio dove la comasca esibisce un pazzesco doppio avvitamento che le regala 14.600 (punteggio più alto di giornata). Bellissimo il corpo libero, anche se non ha osato provare il tanto desiderato Tsukhara avvitato (sarebbe stata la seconda italiana di sempre), che la spinge a 14.250 e la conferma al vertice della specialità. Controllo a parallele (13.700, migliore di giornata insieme a Campana) e trave (13.850) per trionfare con un complessivo 56.400.

Bravissima anche Martina Rizzelli (14.350 al volteggio, 13.600 alle parallele); completavano la formazione Serena Bugani (14.200 al volteggio, 12.500 al corpo libero) e Sofia Busato (11.750 alle parallele con caduta.

 

Fin qui tutto “normale”, appunto. Arrivano però due immense sorprese e il podio è occupato da due autentiche outsider, assolutamente inimmaginabili alla vigilia dell’appuntamento.

Seconda la Ginnastica Giglio (156.900), terza la Forza e Virtù 1892 (156.400). Le toscane e le piemontesi sono venute fuori alla distanza, hanno sfruttato al meglio alcuni punteggi rilevanti delle loro punte di diamante, e salgono per la prima volta nella storia sul podio nazionale.

Stranissima la prestazione del club di Montevarchi. Dopo la prima rotazione, con quattro cadute alla trave (due di Lara Mori e due della Rodriguez) tutto sembrava impossibile. A quel punto, però, le ragazze di Stefania Bucci tirano fuori una grandissima grinta, si rimboccano i body e non sbagliano più nulla. Il sigillo finale lo mette il 14.550 della Leolini al volteggio, accompagnati da un buon 13.650 di Lara Mori al corpo libero e del 13.35 alle parallele, aiutate dal 13.4 della Rodriguez sugli staggi.

 

Novi Ligure, invece, sfrutta al meglio la favorevole rotazione al volteggio: Arianna Rocca brilla con 14.250, affiancata dal 14.050 di Marta Novello. La squadra è stata compatta e unita, bravissima a non disunirsi e a dare il meglio di sé. La performance del club è l’esempio emblematico di una competizione a squadre: du picchi individuali e tanta sostanza delle altre ragazze.

 

Le due rivelazioni, infatti, riescono a fare un pizzico meglio della Olos Gym 2000 (quarta, 156.000) e della Gal Lissone (quinta, 155.800). Le big sono giù dal podio con grandissimo clamore (e delusione).

Le romane non sono riuscite a fare il vuoto alle amate parallele, la rotazione che se eseguita come ci si aspettava le avrebbe confermate al secondo posto. Giorgia Campana ha fatto un pizzico peggio rispetto a Firenze anche se è stata comunque sostanziosa: 13.700 alle parallele (top assoluto di giornata), 13.100 al corpo libero, 13.650 al volteggio i migliori. Chiara Gandolfi brilla al volteggio (14.000). Purtroppo si è pagato a caro prezzo le non superlative prestazioni di Giorgia Morera alla trave e alle parallele.

 

Le brianzole pagano invece le cadute di Elisabetta Preziosa alla trave, della greca Argyro Afrati al corpo libero e dal 12.800 dell’esordiente Delazzari al volteggio.

Elisa Meneghini ha provato a prendersi sulle spalle la squadra, ma non è servito a nulla. La brianzola, vincitrice a Firenze, è seconda nel concorso generale individuale. La 17enne brilla al volteggio (14.200) e alla trave (14.050).

 

Sesta l’Artistica ’81 (152.450). Tea Ugrin era visibilmente in palla, apriva con un eccellente 14.250 alla trave, poi svolgeva un mega esercizio al corpo libero. Sta per chiudere e per volare verso un 14 abbondante, ma cade fuori dalla pedana: 12.950, giusto per capire che la triestina aveva in tasca la mega prestazione. Poi come prevedibile va in confusione: 13.750 al volteggio, prima di sbagliare molto alle parallele (11.750). Un grandissimo peccato per la Campionessa Italiana Assoluta.

Bella settima la Ginnastica Romana (148.550) che riscatta l’ultimo posto di Firenze grazie a una bravissima Lavinia Marongiu, terza nel concorso generale individuale. Solo ottava la Pro Lissone (148.500) priva ovviamente di Enus Mariani, di Alice Linguerri impegnata ai Gymnix, e con una Buro utilizzata solo su due attrezzi.

Nona la Fratellanza Savonese (148.200). Ultima l’Estate 83 (146.850) di una pur brava Nicole Terlenghi (14.150 al volteggio).

 

Di seguito tutti i punteggi delle ginnaste più interessanti in gara:

  SQUADRA VOLTEGGIO PARALLELE TRAVE CORPO LIBERO TOTALE
Erika Fasana Brixia Brescia 14.250 13.700 13.850 14.600 56.400
Elisa Meneghini Gal Lissone 14.200 13.500 14.050 13.800 55.550
Lavinia Marongiu Ginnastica Romana 13.850 13.600 13.250 12.800 53.500
Giorgia Campana Olos Gym 2000 13.650 13.700 12.850 13.100 53.300
Chiara Gandolfi Olos Gym 2000 14.000 13.550 12.600 13.100 53.250
Federica Macrì Artistica ’81 14.250 12.250 13.200 13.400 53.100
Alessia Leolini Ginnastica Giglio 14.550 12.750 11.950 13.650 52.900
Tea Ugrin Artistica ’81 13.750 11.750 14.250 12.950 52.700
Lara Mori Ginnastica Giglio 13.650 13.350 11.950 13.650 52.600
Alessia Praz Gal Lissone 13.650 12.400 13.000 12.450 51.500
Arianna Rocca Forza e Virtù 1892 14.250 0 13.350 13.600 41.200
Marta Novello Forza e Virtù 1892 14.050 0 13.300 12.300 39.650
Giorgia Morera Olos Gym 2000 13.500 12.100 11.050 0 36.650
Martina Rizzelli Brixia Brescia 14.350 13.600 0 0 27.950
Nicole Terlenghi Estate ’83 14.150 0 0 13.300 27.450
Serena Bugani Brixia Brescia 14.200 0 0 12.500 26.700
Carlotta Necchi Forza e Virtù 1892 13.500 0 13.150 0 26.650
Francesca Deagostini Brixia Brescia 0 0 12.850 13.550 26.400
Cintia Rodriguez Ginnastica Giglio 0 13.400 11.450 0 24.850
Elisabetta Preziosa Gal Lissone 0 12.200 12.300 0 24.500
Martine Buro Pro Lissone 0 12.100 11.600 0 23.700
Vanessa Ferrari Brixia Brescia 0 0 14.750 0 14.750
Giulia Gemme Forza e Virtù 1892 0 12.250 0 0 12.250
Sofia Busato Brixia Brescia 0 11.750 0 0 11.750
Argyro Afrati Gal Lissone 0 0 0 11.450 11.450

Lascia un commento

scroll to top