Vuelta 2013, le pagelle della 18esima tappa

oa-logo-correlati.png

Durissimo finale a Peña Cabarga per la 18esima tappa della Vuelta a España 2013. Un’altra fuga ha benedetto Vasil Kiryienka, mentre Nibali ha difeso per un’inezia la Maglia Rossa. Le pagelle.

KIRYIENKA Vasil, voto 9.5: parte in solitaria a 50 chilometri dal traguardo e nessuno riesce a raggiungerlo. Non soddisfatto del ritmo tenuto dai compagni di fuga il corridore del Team Sky ha deciso di mettersi in proprio, respingendo il gruppo e tagliando il traguardo in solitaria, per una delle sue classiche imprese. Buona prestazione anche degli altri fugaioli, ma il bielorusso è stato superiore.

HORNER Chris, voto 9: vince la gara degli uomini di classifica e arriva a 3” da Nibali. Mette a referto il miglior tempo di sempre sulla salita e si candida come super favorito per il successo finale. L’ultimo chilometro, in cui ha mandato gambe all’aria Nibali, è stato memorabile.

RODRIGUEZ Joquim, voto 7: un’ottima prestazione oscurata però da un super Chris Horner. Sembra cedere ma è bravo a mantenere un buon ritmo e alla fine chiude secondo tra coloro che non sono andati in fuga.

VALVERDE Alejandro, voto 6: dopo l’attacco dei Katusha è il primo a cedere, ma continuando con ritmo regolare arriva, di fatto, in scia a Rodriguez. Non brillantissimo ma concreto e ancora in zona podio.

NIBALI Vincenzo, voto 6: molto bene, e forse oltre le attese, fino a 1000 metri dal traguardo. Poi insiste per seguire Horner e paga 25” nelle ultime centinaia di metri. La sua difesa della Roja, ora, si fa ancora più dura. Ha lanciato dei segnali positivi, ma con questo Horner potrebbero non bastare.

SCARPONI Michele, voto 6.5: sempre meglio sul finire di questa Vuelta. Sale regolare, ma alla fine chiude pochi secondi dopo Nibali. Anche in vista Mondiale, l’Aquila di Filottrano non può essere scartato a priori.

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top