Pro12: le Zebre scappano, ma Munster rimonta e sbanca Parma

oa-logo-correlati.png

Tutto secondo pronostico al XXV Aprile di Parma tra Zebre e Munster, con la netta vittoria finale della franchigia irlandese per 21-43. Il punteggio, però, non rispecchia in toto i reali valori del match, con i bianconeri capaci di mantenere aperta la contesa per oltre un tempo, chiudendo peraltro la prima frazione in vantaggio. Ma, come spesso accaduto lo scorso anno, i federali si sono sciolti nelle fasi decisive del match, vuoi per inesperienza, vuoi per mancanza di lucidità o calo fisico.

L’impronta di Cavinato e Casellato inizia ad intravedersi nella folate offensive zebrate, pericolose in attacco sebbene debbano concedere i primi sei punti a JJ Hanrahan. Ma con un Luciano Orquera in serata tutto sembra diventare più facile per i bianconeri: l’apertura azzurra trova i pali al 19′ e tre minuti dopo una splendida meta di furbizia per il sorpasso (8-6). Continua il botta e risposta tra i due piazzatori, Ratuvou becca un giallo per speak tackle al 32′ ma l’inferiorità numerica non placa l’intensità della franchigia federale, come dimostra il break di Andrea Manici per la seconda marcatura italiana (18-9), a chiudere il primo tempo.

Tuttavia, la Red Army non è una tra le favorite del torneo a caso. Munster torna in campo più ordinato e disciplinato, le Zebre calano i ritmi e al 46′, dopo un piazzato di Hanrahan, è Paddy Butler ad approfittarne con la prima marcatura pesante per gli ospiti. La medesima sequenza si ripete tra il 51′ e il 58′, quando prima Hanrahan dalla piazzola e poi Cj Stander fanno spiccare il volo alla propria squadra, portandosi sul 18-29 e ammazzando di fatto il match. Orquera sigla gli ultimi punti bianconeri al 64′, poi è solo Munster: ancora Stander al 66′ e infine Ian Keatley al 75′ regalano anche il punto di bonus agli irlandesi, fissando il punteggio sul 21-43.

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Tag

Lascia un commento

Top