Golf, fascino e tradizione per l’Alfred Dunhill Links Championship

oa-logo-correlati.png

Archiviato l’Open d’Italia, l’European Tour si sposta in Scozia per uno dei tornei più prestigiosi ed affascinanti del circuito, l’Alfred Dunhill Links Chamionship (montepremi £ 5.000.000), unico nella sua formula che prevede tre percorsi: Carnoustie, Kingsbarns e la casa del golf, il mitico Old Course di St. Andrews. Un mix di storia e tradizione che, insieme al ricco bottino in palio, non possono che mobilitare diverse stelle di calibro mondiale.

Si presenta al completo la colonia sudafricana, con Ernie Els, Louis Oosthuizen, Charl Schawartzel, Richard Sterne e il detentore del titolo, Branden Grace. Tra i primi 50 del ranking mondiale, spiccano anche il gallese Jamie Donaldson, il tedesco Martin Kaymer e il danese Thorbjørn Olesen, tra i primi 50 del ranking mondiale. A dare ulteriore lustro ad un field di qualità purissima anche dei nomi di spessore come Vijay Singh, Padraig Harrington, Retief Goosen e Darren Clarke, tutti vincitori di almeno un Major ma apparentemente fuori dalla corsa per il successo finale. Possono puntare ad un torneo di vertice, invece, i francesi Grégory Bourdy, Raphael Jacquelin e il vincitore al ‘Torino’, Julien Quesne, l’olandese Joost Luiten, i padroni di casa Stephen Gallacher, Richie Ramsay e Paul Lawrie, l’irlandese Shane Lowry, l’austriaco Bernd Wiesberger e gli inglesi Ross Fisher e Tommy Fleetwood.

Non saranno della partita Francesco Molinari e Matteo Manassero, mentre deve necessariamente mettere al sicuro la carta Lorenzo Gagli. Il fiorentino è 110° nella Race to Dubai, ultimo posto utile per confermare la propria presenza fissa sul Tour nella prossima stagione; un altro taglio mancato probabilmente comprometterebbe tutto, a sole tre gare dal termine dell’annata prima delle Final Series. Sono ormai fuori dai giochi Matteo Delpodio e Alessandro Tadini, a cui servirebbe un miracolo durante la settimana.

Un’altra peculiarità dell’Alfred Dunhill Links Championship è la Pro-Am, la gara in cui fanno coppia un professionista ed un personaggio famoso (e non) dilettante, in programma parallelamente al torneo vero e proprio. Spiccano le presenze delle ex stelle del calcio Ruud Gullit (con Anders Hansen), Johan Cruyff (con Maarten Lafeber) e Sir Bobby Charlton (con Simon Wakefield) e della leggenda del canottaggio britannico, Sir Steve Redgrave (con Jamie Donaldson). Lorenzo Gagli gareggerà con Giuseppe Ciucci, Alessandro Tadini con Ludovico Del Balzo mentre Matteo Delpodio farà squadra con Tim Wester.

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Tag

Lascia un commento

Top