Ginnastica, Mondiali -8: Anversa, l’ospedale delle infortunate

oa-logo-correlati.png

“Ogni mattina, in Africa, una gazzella si sveglia. Sa che dovrà correre più in fretta del leone o verrà uccisa”.

Ogni mattina una ginnasta si sveglia. Sa che dovrà stare attenta, o un infortunio la terrà fuori dai Mondiali. E le ginnaste-gazzelle sono state moltissime in questo 2013.

 

I Mondiali che scatteranno tra otto giorni saranno privi di grandi stelle e questo è sicuramente uno dei temi caldi della rassegna iridata che sta per prendere il via ad Anversa.

Tutte le Nazioni sono state colpite da un’ondata di infortuni incredibile e mai vista.

Di seguito la lista nera delle ginnaste infortunate.

 

RUSSIA:

Viktoria Komova: l’assenza più importante, quella della vicecampionessa olimpica. Una lieve forma di meningite virale la costringe a fermarsi per almeno tre mesi.

Kseniia Afanaseva: recente intervento chirurgico alla caviglia. Era la favorita numero 1 per la vittoria al corpo libero.

Evgeniya Shelgunova: problema alla spalla.

 

USA:

Katelyn Ohashi: sarebbe stata una sicura protagonista della rassegna iridata e avrebbe sicuramente lottato per il podio. Ha un problema alla spalla/schiena.

Lexie Priessman: stiramento al tendine di Achille durante il warm-up dei Nazionali.

Madison Kocian: distorsione alla caviglia durante il corpo libero ai Nazionali.

Sabrina Vega: infortunio non pervenuto.

Sarah Finnegan: infortunio non pervenuto.

 

ITALIA:

Giorgia Campana: si è rotta il gomito cadendo dalle parallele durante gli allenamenti.

Erika Fasana: da tempo combatte con una frattura da stress alla tibia.

Adriana Crisci: durante il Trofeo Massucchi è caduta dal volteggio lesionandosi il legamento crociato anteriore del ginocchio. Era già stata convocata per il Mondiale…

Elisabetta Preziosa: problemi al ginocchio che si trascinano da diversi mesi.

 

L’altra assenza più importante è quella di Diana Bulimar, favorita per un podio al corpo libero, che si è infortunata al ginocchio durante il warm up dei Nazionali rumeni.

La Francia si è ritrovata senza più di metà squadra: out la fortissima Youna Dufournet, l’angioletto Marine Brevet e Anne Kuhm.

La brasiliana Jade Barbosa, vecchia leonessa della polvere di magnesio, è rimasta a casa per un problema alla gamba. La britannica Gabrielle Jupp guarderà le colleghe davanti al televisore dopo che si è rotta il crociato durante l’American Cup.

L’Australia non manderà nessuna ginnasta: le migliori si sono fatte male e le altre non sono riuscite a raggiungere punteggi di rilievo.

 

Il tendine d’Achille ha fatto un brutto scherzo alla spagnola Maria Paula Vargas e all’olandese Wyomi Masela.

Il Giappone ha dovuto fare a meno di Koko Tsorumi e della forte Rie Tanaka (entrambe lungodegenti), mentre per il Canada mancherà Gabriella Douglas di recente entrata nella storia per il meraviglioso quintuplo giro alla trave.

La Germania rinuncia a Janine Berger e a Lika Katharina Hill.

Non potremo ammirare nemmeno la simpatica svedese Jonna Adlerteg, argento europeo alle parallele.

Completano la lista, la belga Julie Crocket (frattura del gomito) e l’olandese Celine Van Gerner.

 

Un grosso in bocca al lupo a tutte quante e l’augurio di ritornare più forti che mai nel 2014.

 

Ester Vicentelli

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top