Europei basket 2013: Italia sei grande! Ora puoi sognare

oa-logo-correlati.png

Quattro vittorie consecutive, primo posto nel girone e qualificazione alla fase successiva a punteggio pieno. Sembra un sogno ed invece l’Italia è riuscita in questo piccolo capolavoro agli Europei di basket, che si stanno disputando in queste settimane in Slovenia. Ieri sera i ragazzi di Simone Pianigiani hanno compiuto l’ennesima impresa, giocando un match stellare e sconfiggendo la Grecia, sulla carta una delle squadre favorite per salire sul podio della competizione. Siamo stati perfetti in difesa, in attacco, nell’atteggiamento mostrato dal primo all’ultimissimo minuto.

Ho poco da dire – commenta il CT Simone Pianigiani – perché avete visto tutti che tipo di partita è stata. Questi ragazzi sono un orgoglio per me, perché hanno controllato la partita per tutti i 40 minuti, giocando con grande intensità contro un avversario di livello assoluto. Abbiamo sofferto a rimbalzo ma abbiamo sopperito con altri mezzi e quello che abbiamo fatto è sotto gli occhi di tutti. Merito del grandissimo lavoro fatto da tutto il mio staff, che giorno e notte cura ogni dettaglio. Merito di tutti coloro che lavorano alla Federazione Italiana Pallacanestro e che contribuiscono a creare intorno alla squadra un’atmosfera speciale. Ora andiamo avanti giorno dopo giorno e pensiamo alla prossima partita. Siamo stanchi dopo i grandi sforzi fatti ma abbiamo entusiasmo”.

Ha perfettamente ragione il nostro allenatore e fa bene a prendersi in parte anche i meriti dei successi dei suoi ragazzi. Pianigiani è l’artefice di questo miracolo azzurro, sempre in piedi davanti alla sua panchina a trascinare i suoi ragazzi e a guidarli per tutti e quaranta minuti di gioco. Il ct azzurro è stato bravissimo a raccogliere i cocci di un’estate devastante per il gruppo, che fin da subito ha perso Gallinari e poi nell’ordine ha salutato Hackett, Polonara, Bargnani e Gigli, costruendo una squadra che ora non ha paura davvero di nessuno.

E’ la nazionale di Belinelli, di Datome e anche di Alessandro Gentile. I primi due sono i leader incontrastati del gruppo e anche ieri nei momenti di difficoltà ci siamo affidati al loro immenso talento e loro non si sono di certo tirati indietro. Le triple del sardo e i canestri impossibili del bolognese hanno fatto la differenza nel finale, ma tra i protagonisti non si può non inserire il neo capitano dell’Olimpia Milano. Un Gentile che sta venendo fuori sempre di più di partita in partita e che sta dimostrando di essere davvero una delle giovani stelle di questo Europeo. 

Oggi pomeriggio chiudiamo la pratica del primo girone con la Svezia e probabilmente Pianigiani ruoterà molto e farà rifiatare chi ha speso maggiormente nelle precedenti gare, perchè le energie vanno centellinate in vista di tre partite di fuoco che potrebbero cambiare il futuro del basket italiano.

 

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da fibaeurope.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top