Nazionale baseball juniores: un gruppo fantastico con grandi individualità

oa-logo-correlati.png

Nelle scorse settimane, abbiamo avuto modo di seguire la cavalcata trionfale della nazionale juniores agli Europei di baseball, conclusi con il titolo continentale vinto dagli azzurrini contro i padroni di casa della Repubblica Ceca: nulla meglio di questo articolo del nostro Michele Cassano può ripercorrere quell’impresa.

Nonostante il passo falso proprio contro la Repubblica Ceca nella fase eliminatoria, gli azzurrini hanno sempre dimostrato di essere un collettivo fantastico, nel quale, com’è logico che sia, sono emerse anche alcune individualità molto interessanti. Lo stesso gruppo che due anni prima aveva vinto il titolo cadetti ha dimostrato di essere ulteriormente cresciuto: tra i trascinatori, quel Giovanni Garbella eletto MVP dell’intero torneo con statistiche davvero molto interessanti a rafforzare il suo primato (AVG .407 h 11 2B 3 3B 2 HR 1 RBI 8 SLG% .778 OB% .452). Di origini valdostane (milita proprio nei Bugs di Aosta), Garbella è però cresciuto negli States, e più precisamente a La Jolla di San Diego, tanto da avere la doppia cittadinanza. Esterno centro e terza base, il diciassettenne sembra destinato ad un immediato futuro nei Royals di Kansas City, una delle più prestigiose franchigie di MLB.

Se dovesse approdare nella città del Missouri, raggiungerebbe il sedicenne friulano Marten Gasparini, interbase che ha appena firmato un contratto da 1.3 mln di $ dopo essere cresciuto agonisticamente nei Cervignano Tigers: al pari di Garbella, Gasparini rappresenta una delle migliori promesse non solo del baseball tricolore, ma più in generale di quello europeo, tanto da aver strappato il più remunerativo contratto di sempre per un atleta del vecchio continente in MLB.

Garbella, Gasparini, capitan Gradali, Fabbri, Celli e molti altri costituiscono un patrimonio inestimabile per il baseball azzurro, che sembra avere tutte le carte in regola per perpetuare nel futuro i continui successi del presente.

foto tratta da sdnews.com

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top