Equitazione: salto e dressage, un Europeo a due facce

oa-logo-correlati.png

Di certo non ci aspettavamo una pioggia di medaglie ad Herning, sede degli Europei di salto ostacoli e dressage, ma ci siamo accorti che la nostra equitazione, almeno in questi settori, ha ancora molto da lavorare.

In molti si attendevano Valentina Truppa, numero nove delle classifiche mondiali, che negli ultimi anni ha sempre promesso bene. Eppure l’amazzone azzurra ha chiuso addirittura al ventunesimo posto, fuori persino dalla finale individuale. Se dopo Londra l’obiettivo era quello di una medaglia a Rio, al momento sembra quasi impossibile, soprattutto con una concorrenza internazionale stellare.

C’era poi felicità per aver portato una squadra di dressage, ma la prestazione non è stata al livello delle attese: un terzultimo posto, davanti solo a nazioni come il Lussemburgo e la Norvegia…

In crescita invece il settore del salto ostacoli, con Luca Moneta decimo e la squadra settima: il lavoro del ct Horn sta dando i primi frutti ed esistono i presupposti per cullare delle ambizioni di qualificazione a Rio 2016.

In settimana ci saranno gli Europei di completo, per terminare le classi olimpiche dell’equitazione. Vittoria Panizzon è data in gran forma.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top