Volley, Mencarelli e una bella gioventù a Montreux

oa-logo-correlati.png

Una sconfitta e due vittorie. Questo è il bilancio della nuova Nazionale femminile di volley dopo le prime tre uscite al Trofeo di Montreux. Marco Mencarelli, alle prime panchine da commissario tecnico dell’Italia maggiore, ha portato in Svizzera una formazione infarcita di giovani, di ottimi prospetti con uno sguardo lunghissimo al futuro per costruire un nuovo ciclo.

L’intesa, quindi, è ancora tutta da trovare, come sono da rodare ancora tutti gli schemi di gioco. Alcuni errori, in fase di impostazione, sono quindi assolutamente giustificabili e sicuramente rimediabili nel corso di questa lunga estate. Come da perdonare è la mancanza di esperienza e la poca freddezza nei momenti cruciali). Di certo non bisogna essere in forma ora, a fine maggio, in un Torneo di preparazione ai grandi appuntamenti che culmineranno con gli Europei a settembre.

 

Ko con il Giappone all’esordio, contro una squadra al momento ben più attrezzata e sempre ostica per i nostri colori. Successo liscio sulle seconda linee della Germania. E poi una bellissima sorpresa contro la rognosa Repubblica Dominicana, fortissima in attacco e difficile da arginare. Stasera ci aspetta la Russia in semifinale per un primo test fondamentale per capire cosa ci sarà da sistemare in vista del prossimo weekend con il Trofeo di Alassio.

 

La formazione è davvero rassicurante e verrà puntellata nei prossimi appuntamenti con altre ragazze già scelte dal coach. Noemi Signorile ha fatto un salto di qualità davvero enorme e la sua regia è davvero di spessore, in attesa di vedere anche la Caracuta; Valentina Diouf era la certezza prima del via e tale si è confermata con due match da top scorer e la consueta sicurezza; le sorprese arrivano dalle bande dove Valentina Tirozzi (top scorer col Giappone) e Alessia Gennari (titolare con la Dominicana, subentrata alla grande nei due precedenti incontri e miglior schiacciatrice dell’intero torneo) hanno mostrato un livello di gioco davvero ottimo, mentre Caterina Bosetti è sembrata un po’ troppo altalenante; sulle centrali poco da dire perché il rendimento di Raphaela Folie e Cristina Chirichella è quello che ci si aspettava (la capitana della squadra juniores è davvero maturata molto in quest’ultimo anno); Monica De Gennaro da libero si sta comportando bene.

 

Questo è solo un primissimo esame e una valutazione molto precoce che attende altre risposte in questo weekend. Ricordandoci bene che i nostri obiettivi sono in là nel tempo, che bisognerà avere molta pazienza e che si dovrà seguire questa squadra con molta attenzione.

Lascia un commento

Top