Rugby, verso Italia-Scozia: Brunel stravolge il XV iniziale

oa-logo-correlati.png

Per l’ultimo test match in terra sudafricana contro la Scozia (diretta su Sky Sport 2 dalle ore 14:15), Jacques Brunel opta per una pesante rivoluzione rispetto alla disfatta di una settimana fa per mano di Samoa, operando ben dieci cambi.

Il comunicato FIR

Jacques Brunel, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Rugby, ha ufficializzato la formazione che sabato 22 giugno alle ore 14.15 affronterà la Scozia al Loftus Versfeld di Pretoria nella finale 3°-4° posto delle Castle Lager Series 2013.

L’incontro verrà trasmesso in diretta da Sky Sport 2 a partire dalle 13.30, con pre-partita dagli studi di Milano e telecronaca affidata al collaudatissimo duo Antonio Raimondi/Vittorio Munari.

E’ l’ultimo test-match della stagione per gli Azzurri e per l’appuntamento che chiude il 2012/2013 il CT azzurro apporta dieci cambi alla formazione titolare dopo la pesante sconfitta per 39-10 subita contro Samoa sabato scorso a Nelspruit.

Due gli esordienti in campo dal primo minuto: il ventunenne trequarti-ala delle Zebre Leonardo Sarto, reduce dalla sua prima stagione in RaboDirect PRO12, completa il triangolo allargato composto da Andrea Masi (per l’estremo aquilano è l’ottantesimo cap) e dal compagno di club Giovambattista Venditti, mentre in seconda linea Brunel lancia dal fischio d’inizio il venticinquenne oriundo dello Stade Rochelais Leandro Cedaro, in tribuna nelle prime due gare della serie estiva, che fa reparto con Marco Bortolami.

 

Ritorna dall’inizio la coppia di centri della Benetton Treviso formata da Alberto Sgarbi e Luca Morisi, autori di una prestazione di buon livello nel turno inaugurale del quadrangolare a Durban contro il Sudafrica l’8 giugno ed è inedita in azzurro la mediana composta da Alberto Di Bernardo all’apertura e Tobias Botes in maglia numero nove: i due, compagni alla Benetton Treviso fanno coppia in Nazionale per la prima volta, con Di Bernardo alla seconda uscita dal primo minuto, la terza in assoluto.

Doppio cambio in terza linea, dove il capitano e numero otto Sergio Parisse trova Robert Barbieri in sostituzione di Mauro Bergamasco e Joshua Furno al posto di Alessandro Zanni, quest’ultimo in panchina.

Anche in prima linea due novità rispetto alla gara con Samoa, con il solo Castrogiovanni confermato da sabato scorso: Matias Aguero è il pilone sinistro titolare, mentre Davide Giazzon, al dodicesimo caps della carriera, parte per la prima volta in carriera con la maglia azzurra numero due sulle spalle.

In panchina tutti trevigiani gli avanti – Ghiraldini, Alberto De Marchi, Cittadini, Antonio Pavanello e Zanni – il mediano di mischia esordiente Alberto Chillon e due utility backs di grande esperienza internazionale come Canale e McLean.

Tra gli Azzurri e la Scozia è il ventunesimo scontro diretto, il primo fuori dall’Europa: il bilancio è di 13 vittorie scozzesi e sette italiane, con gli highlanders vittoriosi per 34-10 il 9 febbraio scorso ad Edinburgo nell’ultima sfida.

15 Andrea MASI (London Wasps, 79 caps)

14 Leonardo SARTO (Zebre Rugby, esordiente)*

13 Luca MORISI (Benetton Treviso, 3 caps)*

12 Alberto SGARBI (Benetton Treviso, 25 caps)

11 Giovanbattista VENDITTI (Zebre Rugby, 16 caps)*

10 Alberto DI BERNARDO (Benetton Treviso, 2 caps)

9 Tobias BOTES (Benetton Treviso, 15 caps)

8 Sergio PARISSE (Stade Francais, 97 caps) – capitano

7 Robert BARBIERI (Benetton Treviso, 29 caps)

6 Joshua FURNO (Narbonne, 9 caps)*

5 Marco BORTOLAMI (Zebre Rugby, 96 caps)

4 Leandro CEDARO (Stade Rochelais, esordiente)

3 Martin CASTROGIOVANNI (Leicester Tigers, 97 caps)

2 Davide GIAZZON (Zebre Rugby, 11 caps)

1 Matias AGUERO (Zebre Rugby, 18 caps)

A disposizione

16 Leonardo GHIRALDINI (Benetton Treviso, 55 caps)

17 Alberto DE MARCHI (Benetton Treviso, 11 caps)

18 Lorenzo CITTADINI (Benetton Treviso, 23 caps)

19 Antonio PAVANELLO (Benetton Treviso, 20 caps)

20 Alessandro ZANNI (Benetton Treviso, 76 caps)

21 Alberto CHILLON (Zebre Rugby, esordiente)*

22 Gonzalo CANALE (Stade Rochelais, 83 caps)

23 Luke MCLEAN (Benetton Treviso, 48 caps)

*è/è stato membro dell’Accademia FIR “Ivan Francescato” di Tirrenia

Questo, invece, il XV scelto dal ct scozzese ad interim Scott Johnson, che effettua tre cambi rispetto alla sfida persa contro gli Springboks

 

15 Peter Murchie (Glasgow Warriors) 1 cap

14 Tommy Seymour (Glasgow Warriors) 1 cap
13 Alex Dunbar (Glasgow Warriors) 2 caps, 1 try, 5 points
12 Matt Scott (Edinburgh Rugby) 14 caps, 2 tries, 10 points
11 Sean Lamont (Glasgow Warriors) 78 caps, 10 tries, 50 points

10 Tom Heathcote (Bath Rugby) 2 caps
9 Greig Laidlaw (Edinburgh Rugby) CAPTAIN 20 caps, 2 tries, 18 conversions, 44 penalties, 178 points

1 Alasdair Dickinson (Edinburgh Rugby) 26 caps, 1 try, 5 points
2 Scott Lawson (Newcastle Falcons) 37 caps, 2 tries, 10 points
3 Euan Murray (Worcester Warriors) 55 caps, 2 tries, 10 points
4 Tim Swinson (Glasgow Warriors) 1 cap
5 Alastair Kellock (Glasgow Warriors) 54 caps, 1 try, 5 points
6 David Denton (Edinburgh Rugby) 13 caps
7 Alasdair Strokosch (Perpignan) vice-captain 34 caps, 1 try, 5 points
8 Johnnie Beattie (Montpellier) 23 caps, 3 tries, 15 points

Riserve

16 Fraser Brown (Glasgow Warriors) uncapped
17 Moray Low (Glasgow Warriors) 20 caps
18 Jon Welsh (Glasgow Warriors) 1 cap
19 Grant Gilchrist (Edinburgh Rugby) 2 caps
20 Robert Harley (Glasgow Warriors) 4 caps
21 Henry Pyrgos (Glasgow Warriors) 8 caps, 1 try, 5 points
22 Duncan Taylor (Saracens) 2 caps
23 Tim Visser (Edinburgh Rugby) 11 caps, 6 tries, 30 points

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Tag

Lascia un commento

Top