Ginnastica Artistica, Tea Ugrin è CAMPIONESSA D’ITALIA!

Tea Ugrin è CAMPIONESSA D’ITALIA. Sì, signori e signore, proprio Tea Ugrin. La sorpresa delle sorprese. Al di fuori di tutti i pronostici. Anzi, la quattordicenne non era nemmeno data tra le papabili per il podio.

Ma al Pala Rossini di Ancona lo scricciolo di Trieste sboccia in tutta la sua meraviglia: con un eccellente 56.300 (punteggi alto visto il livello del nostro Paese e che non avrebbe sfigurato in alcune circostanze internazionali) è lei la miglior ginnasta del nostro Paese. Timida, emozionata, ben al di là di tutti i riflettori. Con una classe e un’eleganza infinita, come quella che contraddistingue tutte le ginnaste cresciute alla corte dell’Artistica ’81 (che torna al titolo dopo quelli della Bremini nel 1997 e nel 1999). Conosciuta solo dagli addetti ai lavori per lo spettacolare argento a squadre che conquistò l’anno scorso agli Europei di Bruxelles (insieme a Enus Mariani, Elisa Meneghini, Alessia Leolini e Lara Mori) è passata quasi inosservata dalle grandi folle, ma proprio qui sta il segreto del suo successo.. Il campionato di A1 era stato positivo, specialmente in due tappe, ma non lasciava di certo presagire quello che è successo oggi.

 

Oggi è stata davvero insuperabile. Che fosse una grande giornata, quella che non ti dimentichi per tutta la vita, si era già capito dalle parallele: 13.850 dagli staggi che non sono certamente il suo attrezzo migliore. L’amata trave (l’anno scorso fu quarta agli Europei di categoria) le regala 14.350 (miglior punteggio) e la mette in testa a metà gara. Sembrava un fuoco di paglia, ma uno strepitoso 14.200 al corpo libero (miglior punteggio di specialità) la metteva in pole position per il sogno.

Tra lei e il titolo c’era solo il volteggio e due avversarie grandi quanto una casa: Elisa Meneghini e Giorgia Campana, le favorite della vigilia. La tavola le regala 13.900, ben oltre le aspettative. A quel punto la brianzola era già distaccata di otto decimi e doveva fare il miracolo alla trave per vincere: si ferma a 14.300. La romana, invece, indietro di quattro decimi, si trovava il corpo libero in conclusione e non poteva inventarsi nulla di speciale (13.150). E Tea Ugrin fa festa!

Certo mancavano Vanessa Ferrari (per recuperare dall’infortunio al piede), Carlotta Ferlito (per motivi di studio) ed Enus Mariani (non ammessa) ma questo non sminuisce assolutamente il successo della Ugrin.

 

Il secondo posto va ad Elisa Meneghini (55.550), che sicuramente si aspettava qualcosa in più. La quindicenne, settima a Mosca, paga un brutto corpo libero e una trave che, invece di spingerla alla gloria, l’ha fermata proprio sul più bello.

Terzo gradino del podio a Giorgia Campana (55.200). La fresca diciottenne è ovviamente la migliore alle parallele (14.150, aggiungendo un nuovo elemento come da previsione) e realizza una buona trave (14.100), ma poi si deve fermare di fronte al corpo libero che si conferma il tallone d’Achille.

 

Quarto sorprendente posto per Martina Rizzelli (54.400), che esibisce un bellissimo doppio avvitamento al volteggio come ha fatto Serena Bugani, compagna di squadra alla Brixia Brescia. Solo quinta Elisabetta Preziosa che non riesce mai a trovare un picco in un pomeriggio abbastanza negativo (53.450).

La migliore al volteggio, come da pronostico, è Adriana Crisci. L’olimpica di Sidney 2000, a quasi trentun anni, è ancora qui a dare lezioni e si spinge a 14.350 con un “semplice” avvitamento e mezzo.

Sottotono Erika Fasana. Pilar Rubagotti e Sofia Busato fanno esperienza. Domani pomeriggio le finali di specialità a cui si qualificano le migliori sei (a più tardi per scoprire tutte le qualificate). Il concorso maschile, invece, è ancora in corso.

 

Di seguito la classifica con tutti i punteggi di tutte le ginnaste.

Tea Ugrin                    v. 13.900         p. 13.850         t. 14.350         cl. 14.200        TOT: 56.300

Elisa Meneghini          v. 13.950         p. 13.800         t. 14.300         cl. 13.500        TOT: 55.550

Giorgia Campana        v. 13.800         p. 14.150         t. 14.100         cl. 13.150        TOT: 55.200

Martina Rizzelli          v. 14.300         p. 13.600         t. 13.050         cl. 13.450        TOT: 54.400

Elisabetta Preziosa     v. 13.950         p. 12.650         t. 13.250         cl. 13.600        TOT: 53.450

Sofia Busato               v. 13.800         p. 12.800         t. 13.200         cl. 12.950        TOT: 52.750

Alessia Leolini           v. 13.600         p. 12.850         t. 12.750         cl. 13.150        TOT: 52.350

Nicole Terlenghi         v. 13.300         p. 12.050         t. 13.300         cl. 13.450        TOT: 52.100

Martine Buro              v. 13.850         p. 12.150         t. 12.850         cl. 13.200        TOT: 52.050

Erika Fasana               v. 14.250         p. 12.400         t. 11.800         cl. 13.600        TOT: 52.050

Adriana Crisci             v. 14.350         p. 12.450         t. 12.450         cl. 12.500        TOT: 51.750

Chiara Imeraj              v. 12.900         p. 13.250         t. 12.600         cl. 12.950        TOT: 51.700

Alessia Praz                v. 12.750         p. 12.700         t. 12.800         cl. 13.200        TOT: 51.450

Pilar Rubagotti          v. 12.750         p. 12.700         t. 12.450         cl. 13.100        TOT: 51.000

Giorgia Morera           v. 13.100         p. 12.600         t. 12.600         cl. 12.700        TOT: 51.000

Arianna Rocca            v. 14.000         p. 10.800         t. 13.350         cl. 12.300        TOT: 50.450

Sofia Bonistalli           v. 13.400         p. 12.250         t. 11.950         cl. 12.800        TOT: 50.400

Joana Favaretto          v. 13.400         p. 11.100         t. 12.700         cl. 13.000        TOT: 50.200

Giulia Paglia               v. 14.150         p. 12.250         t. 11.350         cl. 12.300        TOT: 50.050

Giulia Leni                  v. 14.050         p. 13.500         t. ——–          cl. 13.800        TOT: 41.300

Serena Bugani             v. 14.350         p. ——–          t. 12.300         cl. 13.100        TOT: 39.750

Chiara Gandolfi          v. ——–          p. 14.000         t. ——–          cl. 13.050        TOT: 27.050

Alice Linguerri            v. ——-           p. ——–          t. ——–          cl. ——–

Iosra Abdelaziz           v. ——-           p. ——–          t. ——–          cl. ——–

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ginnastica, Assoluti ci siamo: gli orari e tutti gli approfondimenti

Ginnastica, Ludovico Edalli è CAMPIONE D’ITALIA