Lotta: Caneva vince il primo incontro per l’Italia, ma ad esultare sono gli altri

Terza giornata di gare nella capitale georgiana, Tblisi, per i Campionati Europei di lotta.

Dopo due giornate di sconfitte, l’Italia vince il primo incontro grazie a Dalma Caneva, che sconfigge agli ottavi di finale della categoria 67 kg l’ungherese Kitti Godo per 2-1 (1-0, 0-1, 1-0). Ai quarti, però, l’italiana cede alla tedesca Aline Focken (2-0, 2-1) ed abbandona le speranze di medaglia. L’oro va all’ucraina Alina Stadnik-Makhynia, che ha la meglio in finale sull’israeliana Ilana Kratysh. La tedesca Focken, dopo aver eliminato Dalma Caneva, riesce ad ottenere un bronzo, al pari della russa Svetlana Babuškina.

Primo oro per un Paese non orientale nella categoria 55 kg, con la svedese Sofia Mattsson, già campionessa mondiale nel 2009, che si aggiudica il secondo titolo europeo in carriera, battendo con un netto 2-0 6-0 la greca Maria Prevolaraki. Sul terzo gradino del podio finiscono Iryna Husjak (Ucraina) ed Emese Barka (Ungheria).

Passando agli uomini, sempre nella lotta libera, troviamo l’oro russo di Aniuar Geduev fra i 74 kg. Geduev ha sconfitto in finale il bronzo di Londra 2012, l’ungherese Gábor Hatos. Ancora Europa dell’est sul podio, con i bronzi dell’ucraino di origine georigiana Gija Čykhladze e del bulgaro Leonid Anatoljevič Bazan.

Chiude la giornata la prova dei pesi massimi, i 120 kg, vinti dal turco Taha Akgül, il 22enne che si conferma campione europeo dopo l’oro di Belgrado 2012, fratello di Sezar Akgül, bronzo ieri nei 55 kg. L’ucraino Alen Zasjejev si aggiudica l’argento, mentre i bronzi sono per l’azero Jamaladdin Magomedov e per l’idolo di casa Geno Petriašvili.

Dopo tre giornate, il medagliere è guidato dalla Russia, con tre medaglie d’oro, un argento e quattro bronzi. Seguono l’Ucraina (2-1-4) e la Turchia (1-1-2), unico Paese in grado di competere in quasi tutte le categorie con le potenze dell’est.

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Dalma Caneva

ultimo aggiornamento: 21-03-2013


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

OXO: discutiamo il seminario del Master Joey Alvarado

Lotta: Europei, ori per Lettonia, Georgia e Russia