Hockey su prato: Italia femminile sconfitta in amichevole dalla Scozia

Prima sconfitta nelle quattro amichevoli che l’Italia sta giocando nel raduno, in corso di svolgimento a Roma, che servirà da preparazione alla World League di Valencia. Le azzurre questa mattina sono uscite sconfitte per 2-1 contro la Scozia (sabato la stessa partita era finita 3-3). Per la nostra nazionale un primo tempo dominato ma senza concretizzare il tutto (1-0 con la rete di Alessia Padalino) e calo fisico nella ripresa con le due reti scozzesi. Proprio Alessia Padalino, migliore marcatrice a New Delhi nelle qualificazioni olimpiche dello scorso anno, è sembrata la giocatrice più in forma. Domani ci sarà l’ultima amichevole, sempre con la Scozia, prima della partenza per Valencia. Sempre nella giornata di domani il ct Ferrara varerà l’elenco delle 18 convocate per la World League (quindi ci saranno due escluse).

Ecco le parole di Enzo Corso, responsabile federale del Settore Squadre Nazionali, dopo la partita di oggi: “La squadra comunque ha giocato bene, specialmente nel primo tempo, ma deve trovare il modo di riuscire a sfruttare i corner corti che gli vengono concessi. Finora questo è stato un grande limite e, prima di Valencia, dobbiamo sicuramente migliorare, perché senza segnare i corti a hockey non si fa molta strada. La preparazione, per il resto, sta andando avanti molto bene; anche oggi le ragazze meritavano di più e la squadra ha accusato il fatto di aver giocato gli ultimi 20 minuti in dieci, è stato un utile allenamento, anche nell’eventualità che una situazione simile si presenti a Valencia; comunque l’Italia ha retto bene anche in dieci e questo è significativo. Sono ottimista in vista della partenza per Valencia; sono convinto che nei giorni che ci separano dal 25 febbraio, data di inizio del Round 2, lo staff sarà in grado di recuperare il gap che c’è nei corner corti d’attacco”.

gianluca.bruno@olimpiazzurra.com

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallanuoto, A1: top&flop della quattordicesima giornata

Rugby, Eccellenza: il punto sul campionato italiano