Europa League, il <i>pagellone</i> delle italiane: Inter qualificata

oa-logo-correlati.png

Dopo il pareggio del Milan e la vittoria della Juventus in Champions, oggi è andata in scena l’Europa League, che ha visto ben tre successi italiani ed una sola sconfitta. Olimpiazzurra vi propone le pagelle delle quattro compagini impegnate stasera.

Inter, 7: con un’ottima difesa e un attacco cinico come spesso è già accaduto quest’anno, i nerazzurri espugnano 3-1 il campo del Partizan e conquistano la matematica qualificazione ai sedicesimi di finale. Dopo un primo tempo giocato a bassi livelli, con un super Handanovic fra i pali, Stramaccioni cambia dal 4-5-1 al 4-4-2 e Palacio nella ripresa firma la doppietta del successo. Positiva anche la prova di Guarin, in rete nel finale, per dare continuità alla storica vittoria di sabato sera allo Juventus Stadium. Fin dove può arrivare questa squadra?

Lazio, 7.5: dopo il poker subito a Catania e in vista del derby di domenica prossima, con Petkovic che lascia a riposo molti titolari, i biancocelesti ipotecano il passaggio del turno superando con un perentorio 3-0 il Panathinaikos. Decidono, nel primo tempo, due gemme di Libor Kozak, mentre è di Floccari il tris ad inizio ripresa: un’ottima medicina per risanare i mali di campionato e per prepararsi al meglio per l’attesissima stracittadina contro i giallorossi.

Napoli, 6.5: voto d’incoraggiamento, perchè contro il Dnipro Walter Mazzarri rischia l’ennesima figuraccia europea. Avanti 1-0 grazie a Cavani, infatti, i partenopei subiscono la rimonta degli ospiti, prima di conquistare tre punti fondamentali in chiave qualificazione negli ultimi 15′ ancora con un super Matador, autore di uno spettacolare poker per il 4-2 finale. Il turn-over, dunque, non paga: per vincere in Europa serve la miglior formazione possibile, o almeno non si può prescindere dall’utilizzo dell’uruguaiano, vera e propria stella degli azzurri. L’avrà capito il tecnico livornese?

Udinese, 4.5: probabilmente sarà l’unica squadra a non qualificarsi. Ed è un peccato, perchè se Maicosuel non avesse fallito scelleratamente il calcio di rigore contro lo Sporting Braga nei preliminari di agosto, in questo momento i friulani starebbero disputando la Champions. Invece, come troppo spesso avviene in Italia, l’Europa League è stata sottovalutata e, complice anche un girone di ferro, la banda di Guidolin dovrà abbandonare la competizione. Dopo l’impresa di Anfield, galeotto è lo Young Boys, vincitore 3-1 all’andata e 3-2 stasera, grazie anche ad un rigore fallito a fine primo tempo da Antonio Di Natale. Tuttavia, non è ancora detta l’ultima parola, ma adesso servirà un vero e proprio miracolo.

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: lanumero12.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top