Atletica, Finale A Argento: risultati della prima giornata

oa-logo-correlati.png

Se a Modena si lotta per lo scudetto (cliccate qui per leggere l’articolo), allo stadio Emil Zatopek di Campi Bisanzio (Firenze) si disputa il weekend della Finale A Argento. In palio le promozioni per la serie superiore. Pomeriggio caratterizzato da un clima umido e da un cielo velato.

Al maschile una bella battaglia. Per il momento conduce l’Atletica Biotekna Marcon di Venezia con 92 punti tallonata dall’Enterprise Sport & Service di Benevento (84.50). Alle loro spalle l’Avis Macerata (75), l’Athletic Club 96 di Bolzano (73), il CUS Torino (72), la Virtus CR Lucca (71.50), la Brugnera Friulintagli di Pordenone, il CUS Palermo e la Futura Roma tutte e tre appaiate a 69, la Libertas Polisportiva Amatori di Benevento  (63), il CUS dei Laghi Varese (52) e la Silca Ultralite Vittorio Veneto (49).

Al femminile si è ingaggiata una lotta serratissima: cinque squadre in sette punti! Al momento conduce il CUS Palermo (86.50) tallonato dall’Enterprise Sport & Service a mezza distanza e dall’Atletica Brugnera Friulintagli (83). Poi appaiate a 79.50 l’Atletica Lecco Colombo Costruzioni e l’Atletica Vicentina. Le altre sono leggermente più lontane con Toscana Atletica Empoli Nissan (70), l’Atletica Firenze Marathon (69.50), la Tecno Adriatletica Marche di Ascoli Piceno (63.50), l’U.S. Quercia Trentingrana (62), l’Alteratletica Locorotondo di Bari (61.50), il CUS Bologna (61) e il CUS Trieste (48).

 

L’attenzione era tutta su Alessia Trost. La campionessa del mondo juniores era rientrata settimana scorsa con un 1.90 ben saltato e un 1.94 sfiorato, due mesi esatti dal trionfo di Barcellona. La 19enne vince senza problemi la gara di salto in alto già a 1.76, misura poco più che d’allenamento per lei. Poi supera 1.80 e 1.86 senza problemi e, in accordo col suo allenatore Gianfranco Chessa, decide di far porre l’asticella a 1.93. La rappresentante della Brugnera, sua società civile, non riesce però a esprimersi al meglio delle sue potenzialità e viene respinta, di poco a dire il vero, al secondo e al terzo tentativo. Queste le sue dichiarazioni nel dopo gara: “Mi spiace tanto non esser riuscita a fare 1,93, ma oggi le sensazioni non erano buone. Mi sono sentita stanca entrando in pedana, per cui ho cercato di concentrarmi sugli automatismi acquisiti e la tecnica. Ora osserverò un periodo di riposo, poi verso metà ottobre riprenderò la preparazione invernale, cercando di migliorare ancora la mia tecnica, in particolare il valicamento”. Le ambizioni sono grandi, la testa c’è, il talento non parliamone: il 2013, con il Mondiale dei grandi, può essere una stagione davvero importante.

 

Aspettavamo anche Simona La Mantia in casacca CUS Palermo. Dopo un’annata certamente al di sotto delle proprie aspettative, la siciliana è tornata sulla pedana del triplo e ha vinto con la discreta misura di 13.84, peraltro con vento contrario (-1.2 m/s). Contando che è stata ferma parecchio per riposare i tendini… Speriamo di poterla recuperare definitivamente per un grande 2013.

Da segnalare i 400 metri femminili in cui erano presenti due atlete olimpiche della staffetta. Col personale di 53’’55 la spunta Manuela Gentili (CUS Palermo) sulla lecchese Elena Bonfanti (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) che si ferma a 53’’70.

Era pure presente l’ottimo Paolo Dal Molin (Athletic Club ’96) che ha vinto i 110hs in 13’’91. Le gare di lanci più interessanti sono state quelle maschili, con le vittorie di Giovanni Faloci (Avis Macerata) nel disco con 54,66, e di Leonardo Gottardo (Atl. Biotekna Markon) nel giavellotto con 68,61.
La chiusura di giornata si è avuta con la marcia, con quella femminile che ha visto la presenza vincente dell’olimpica Eleonora Anna Giorgi (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) con 22’42”64 sui 5000.

 

Ecco gli altri vincitori di giornata:

100m (uomini): Alex Da Canal (Atletica Brugnera Friulintagli)

400m (uomini): Vito Incantalupo (Enterprise Sport & Service)

1500m (uomini): Stefano Guidotti Icardi (CUS Torino)

3000 siepi (uomini): Abdoulla Bamoussa (Atletica Brugnera Friulintagli, Marocco)

Asta (uomini): Nicola Tronca (Silca Ultralite Vittorio Veneto)

Triplo (uomini): Stefano Magnini (CUS dei Laghi)

Disco (uomini): Giovanni Faloci (Avis Macerata)

Giavellotto (uomini): Leonardo Gottardo (Atletica Biotekna Marcon)

Marcia 5000m (uomini): Teodorico Caporaso (Polisportiva Amatori Benevento), interessante secondo posto del classe ’94 Francesco Fortunato (Enterprise Sport & Service)

4×100 (uomini): CUS Palermo (Alaimo, Caruso, Nunkoo, Mensah)

100m (donne): Doris Tomasini (US Quercia Trentingrana)

1500m (donne): Margherita Magnani (CUS Bologna)

3000m siepi (donne): Giovanna Lentini (CUS Palermo)

Martello (donne): Sara Pizi (Tecno Adriatletica)

Peso (donne): Damiana Dorelli (US Quercia Trentingrana)

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top