Ingiustizia è fatta! Busnari: giù dal podio!

Un quarto posto da mangiarsi le mani. Una medaglia di legno che doveva essere di più per quanto mostrato! Un grande rammarico. Alberto Busnari si sarebbe meritato quell’alloro che ha inseguito per tutta la carriera nel cavallo con maniglie. Il cavaliere di Melzo si è presentato a Londra tirato a lucido, in grandissima forma, pronto per arrivare là dove la sfortuna e diversi problemi fisici non lo avevano mai portato. Riesce a svolgere alla perfezione un esercizio stupendo. Sente bene i suoi appoggi, inizia con una forbice e mezzo giro, un bello stockly a scendere, sempre composto, ordinato e quadrato nelle parti in maniglia, mulinello ben rasente a gambe unite, sfoggia il movimento che porta il suo nome (dal prossimo anno sarà di difficoltà G), poi combinazione in verticale, camminata in thomas per ottenere un decimo in più nel punteggio, e chiude con una buona uscita. In una grande finale. Come mai gli era successo. Gioisce. Va provvisoriamente in testa con 15.400. La sua performance è da 8.8. Non male. Sembra avere la medaglia in tasca. Migliora nettamente il 15.058 in qualifica. Sta sognando ad occhi aperti. A quasi 34 anni è tornato sui grandi livelli che dieci anni fa lo avevano rivelato al Mondo col bronzo europeo, replicato con l’argento due anni dopo. È da podio. Dopo una vita di duri sacrifici e in cui ha raccolto meno di quanto meritasse. Alla sua quarta Olimpiade. Deve solo aspettare.

Devono ancora salire sull’attrezzo i migliori. Tra questi non c’è certamente il britannico Max Whitlock. Un giovanotto di diciannove anni, di belle speranze ma non ancora al top delle proprie potenzialità. La giuria decide inaspettatamente (e oserei dire ingiustamente) di premiarlo in maniera eccessiva. Ha lo stesso punteggio di partenza (6.6) del nostro azzurro, ma la sua esecuzione viene valutata addirittura con un nove sebbene ci fossero delle vistose imperfezioni. Si potrebbe parlare di medaglia soffiata, rubata? Forse. Probabile. C’è il sentore di aver assistito a un’ingiustizia. Ad ogni modo il ragazzo del South Essex si porta a casa il bronzo (15.600) che fa il paio con quello del concorso a squadre in cui la giuria regalò l’argento al Giappone dopo un clamoroso e misterioso ricorso.

 

Sale sull’attrezzo il mostro sacro della disciplina. L’ungherese Krisztian Berki, campione del Mondo in carica. In qualifica aveva sbagliato qualcosina. Qui è perfetto. Sono picchi inarrivabili per chiunque. Controrotazioni velocissimi, agilità, spinta, preciose, thomas di altissimo livello, fedorchenko perfetto, il movimento magiar che distingue la sua scuola. Nulla da dire. Hosszu (il suo soprannome che in ungherese significa “quello alto”) tocca quota 16.066 e vola verso il metallo più prezioso. L’oro è il giusto premio per questo ventisettenne che arriva al picco della carriera, riesce in una storica doppietta e realizza il sogno che aveva fin dalla tenera età di cinque anni quando mise piede in una palestra. L’argento va all’idolo di casa Louis Smith. Sugli spalti c’è pure Kate Middleton ad applaudirlo. Si sperava in qualcosa di più che gli sfugge per gli scarti millesimali: anche il suo esercizio lo porta a 16.066 (bellissima combinazione di russi da annotare, sempre elegante nelle sue controrotazioni e nelle forbici) , ma il valore della sua esecuzione (9.066) è inferiore a quello di Berki (9.166). Incredibile. Si deve accontentare dopo il bronzo di Pechino. Il miglioramento per Lou Bear c’è e a ventitrè anni ha ancora diverse occasioni per raggiungere l’apoteosi.

 

Sandra Izbasa non muore mai. Classe 1990. Come la nostra Vanessa che aveva incrociato nel vittorioso Mondiale di Aarhaus (lei fu terza sul podio). Sei anni fa. È ormai passata una vita ma la rumena ha sempre fame. L’oro questa volta è suo e fa il bis con quello ottenuto al corpo libero ai Giochi di Pechino. La campionessa europea è protagonista di due buoni esercizi: una rondata flick mezzo giro con salto teso avvitato di assoluta rilievo (15.383) replicato dal salto teso con due avvitamenti (15.000). La media fa 15.191. Può gioire.

Deve però ringraziare la vera specialista dell’attrezzo: McKayla Maroney. Un fenomeno a stelle e strisce sbarcata a Londra per una storica doppietta: mondiale più Olimpiade. Non ci è riuscita. Per lei arriva solo un argento. Amaro. Deludente. Per colpa sua. Per un suo errore. Il primo volteggio è da manuale della ginnastica: due avvitamenti e mezzo in maniera assolutamente tranquilla, quasi perfetta (9.666 d’esecuzione per un totale di 15.866), con uno spazio brevissimo tra attacco di piedi e attacco delle mani. La seconda prova è di sicurezza. Dovrebbe esserlo, almeno. Si trasforma in un pianto amaro: cade sedere a terra nel rondata-flick mezzo giro (lo stesso della Izbasa), non continuando la rotazione in volo perché pensava di essere abbondante. Chiuderà con 15.083 e a fine gara, da grande campionessa dichiarerà: “Non sono amareggiata per l’oro, non lo meritavo. Sono triste per non essere stata perfetta”. E poi arrivano le giustificate lacrime da sedicenne. Il bronzo va alla russa Maria Paseka (15.050). In pedana c’era anche l’eterna Oksana Chusovitina. Trentasette anni e alla sua sesta Olimpiade. La ginnasta più longeva di tutti i tempi. D’origine uzbeka, gareggia per la Germania in cui era emigrata per curare il figlio malato di leucemia. Campionessa olimpica a Barcellona, più volte mondiale cercava oggi un numero. Non ci riesce e termina quinta (14.783, con diverse sbavature).

 

Nel corpo libero Zou Kai si conferma dopo il titolo ottenuto in casa a Pechino. Un esercizio di assoluto rilievo gli mette l’oro al collo (15.933). Una battaglia stupenda a tre. Una lotta con l’eterno rivale Kohei Uchimura, il giapponese neo olimpico nell’all-around (argento con 15.800) e col russo Ablyazin (15.800, dietro per la peggior esecuzione). Rivincita per il cinese che aveva perso proprio contro il nipponico il titolo mondiale a Tokyo.

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Una strepitosa Douglas è d’oro! Vanessa ottava, Carlo ventunesima

Morandi, stupendo Bronzo di Ginnastica! Mustafina d’oro