ItalVolley: azzurri ancora ko contro gli USA

L’Italia cade ancora. Dopo le tre sconfitte consecutive patite a Lione, il terzo weekend di World League a Guanjiu (Corea del Sud) inizia male per gli azzurri che devono chinare il capo di fronte ai campioni olimpici degli Stati Uniti d’America, schierati in formazione tipo, per 3 a 1 (22-25; 25-21; 29-27; 25-16).

 

La formazione guidata ancora da Montagnani (Berruto e i big erano a Roma per ricevere il tricolore dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano) fa vedere delle buone cose ma ricade sugli stessi errori di settimana scorsa: deconcentrazione e incapacità di chiudere nei momenti cruciali dell’incontro. L’avvio è incoraggiante come ormai ci hanno abituato questi giovani (la maggior parte dei ragazzi ha meno di 25 anni): se nel precedente contro gli stelle e strisce non si era riusciti a portare a casa il primo set, questa volta Sabbi (19 punti da opposto e miglior marcatore dopo una partita stupenda) e compagni riescono ad avere la meglio in avvio e a portarsi in vantaggio. L’occasione per svoltare l’incontro (e la classifica) i boys l’hanno avuta nel terzo set quando, dopo una bella rimonta, sono riusciti ad avere due palle set e le hanno mandate in fumo, consegnando la frazione in mano agli avversari. Da quel momento non c’è stata più storia, perchè dall’altra parte della rete esperienza e maggior capacità tattica hanno avuto la meglio, soprattutto grazie al muro che, invece, è sembrato essere uno dei punti fragili del sestetto italiano (sette di squadra, la metà dei nordamericani, poco reattivo e di poco aiuto al reparto difensivo).

 

La grande novità di giornata era l’impiego di Rossini come libero titolare al posto di Giovi. Non male la sua prova che è riuscita, per alcuni tratti, anche in fase di impostazione di gioco. In regia Baranowicz ha dimostrato ancora una volta l’ottimo livello raggiunto, anche se è sembrato meno in palla rispetto a sette giorni fa. Nel terzo set è stato sostituito da Marco Falaschi (classe ’87) a cui si è data finalmente l’opportunità di mostare ad alto livello quando giocato quest’anno a Castellana. Bene ancora Maruotti, che contro la Corea del Sud era stato un gran martello, con i suoi 11 punti di banda insieme al compagno di reparto Kovar, non trascendentale come ci ha abituato fin troppo bene. I centrali Buti e De Togni hanno giocato su livelli accettabili, ma sono stati schiacciati senza possibilità di replica dagli omologhi avversari (17 punti di Smith!)

Ad ogni modo è un’esperienza che serve a queste ragazzi per inserirsi in ottica internazionale: molti di loro saranno il futuro del nostro movimento e, forse, qualcuno avrà l’onore di salire sul volo per Londra.

 

In precedenza la Francia aveva battuto i padroni di casa e, a questo punto, c’è una coppia al comando della pool C: transalpini e nordamericani con 14 punti, l’Italia insegue con 9 punti. Domani gli azzurri affronteranno la Corea del Sud e dovranno assolutamente vincere per cercare di rimanere in corsa: mancano solo 5 partite e per arrivare alla Final Six di Sofia (Bulgaria) bisognerà vincere il raggruppamento (i ragazzi possono raggiungere massimo 24 punti, che non basterebbero per scavalcare i 26 punti del Brasile e qualificarsi come miglior seconda). Nel prossimo fine settimana trasferta negli USA per l’ultima tornata di World League, ma a quel punto ci saranno Berruto e i titolari per rodare la formazione in vista Olimpiade.

 

Di seguito il tabellino:

 

ITALIA-STATI UNITI 1-3 (25-22, 21-25, 27-29, 16-25)

ITALIA: Buti 4, Sabbi 19, Kovar 9, De Togni 8, Baranowicz 3, Maruotti 11, Rossini (libero), Vettori 4, Lanza 2, Falaschi 2, De Marchi 3. Non entrato: Cester. All. Montagnani

STATI UNITI: Lee 8, Stanley 20, Anderson 21, Smith 17, Suxho, Priddy 4, Lambourne (L), Rooney 5, Mc Kienzie, Holmes. Non entrati: Lotman, Thornton. All. Speraw

ARBITRI: Akihiko (JPN), Wensheng (CHN)

Spettatori: 830. Durata set: 27’,29’,31’,22’

 

(foto da FIVB Europa)

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Baranowicz Sabbi

ultimo aggiornamento: 22-06-2012


Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Euro 2012: Ronaldo show, gol e altri due pali: Portogallo in semifinale

Ecco la vittoria: l’ItalVolley rosa firma la prima