Ginnastica, Jury Chechi e la corsa alla Presidenza: “Il mio programma e i miei obiettivi tra impianti, formazione, scuola e sponsor”

Jury-Chechi-Grand-Prix.jpg

Jury Chechi è uno dei due candidati alla Presidenza della Federazione Ginnastica d’Italia. Le elezioni si terranno il prossimo 17 dicembre a Roma: il Signore dei Anelli, uno dei volti più noti al grande pubblico, Campione Olimpico e 5 volte Campione del Mondo, affronterà Gherardo Tecchi. Conosciamo nel dettaglio il programma di Chechi che negli ultimi giorni si è presentato alle società piemontesi e lombarde, mentre il 17 novembre presenterà ufficialmente la sua squadra a Roma.

 

GLI OBIETTIVI DEL QUADRIENNIO

Jury Chechi ha più volte dichiarato quali sono i quattro obiettivi da realizzare nel caso in cui venisse eletto alla Presidenza della Federazione Ginnastica d’Italia per il periodo 2017-2020.

  • Creare un brand riconosciuto a livello nazionale e internazionale
  • Diventare il quinto sport in Italia per numero di tesserati entro il 2020
  • Triplicare il budget proveniente da sponsorizzazioni entro il 2020
  • Diventare una delle Nazioni top level in tutte le sezioni agonistiche

I VALORI: Meritocrazia, Organizzazione, Semplicità, Leadership, Unità, Etica

 

Per realizzare gli obiettivi prefissati il Campione Olimpico di Atlanta 1996 ha già fissato la sua linea programmatica che intende svilupparsi in cinque macro ambiti.

  1. IMPIANTISTICA E ATTREZZATURE

Da sempre è uno dei grossi problemi della ginnastica italiana. Jury Chechi propone tre punti strategici per migliorare la situazione:

  • Censimento impianti esistenti (adibiti alle attività svolte dalla FGI) con un’analisi dal punto di vista quantitativo e qualitativo
  • Sostenere la costruzione di nuovi impianti, appoggiando le associazioni che decidono di investire sulla costruzione e il rinnovamento dell’impiantistica sportiva alle attività svolte dalla Federazione Ginnastica d’Italia che deve proporsi in prima linea per promuovere, attraverso le istituzioni locali, il sostegno alla costruzione di nuovi impianti e le sinergie tra pubblico e privato
  • Consulenza alle società e ai loro dirigenti. Creazione di uno sportello di consulenza per le associazioni e per i dirigenti societari riguardante la costruzione e la gestione degli impianti sportivi (consulenza tecnica, amministrativa, normativa)

 

  1. FORMAZIONE
  • Formazione sul campo. La ginnastica non è uno sport teorico. Occorre formare i tecnici in palestra. A questo proposito è mia intenzione fornire per ogni sezione un servizio di formazione sul campo attraverso l’operato di tre tecnici esperti (uno per il Nord, uno per il Centro, uno per il Sud) che si occupino di girare nelle diverse società d’Italia a supporto degli allenatori
  • Collaborazione a livello internazionale, promuovendo l’organizzazione in Italia di stage e approfondimenti tecnici tenuti da esperti internazionali
  • Formazione per i dirigenti e il corpo giudicante. Stabilire le regole meritocratiche per l’avanzamento di carriera in modo da aumentare il livello generale di professionalità

 

  1. GINNASTICA NELLE SCUOLE

Jury Chechi punta in alto, studiando delle linee guide in sinergia con il Ministero dell’Istruzione e dello quella Salute. La ginnastica viene ritenuta la madre di tutti gli sport e bisogna educare i bambini al concetto che sport e salute psico-fisica si relazionano in un binomio solido e inseparabile. Anche in questo caso sono stati definiti tre passi strategici:

  • Portare le discipline della FGI nelle scuole attraverso una partnership con le istituzioni locali e la creazione di un progetto comune al quale tutti i club possono aderire e sviluppare
  • Bisogna utilizzare i diversi testimonial e le competenze della FGI per incrementare l’avvicinamento dei bambini alle nostre discipline
  • Creare una collaborazione con il Ministero dell’Istruzione. Rafforzare la collaborazione con i Gruppi Sportivi Militari

 

  1. RELAZIONI INTERNAZIONALI

Secondo Jury Chechi è necessario aumentare l’autorevolezza e la credibilità della Federginnastica all’interno degli organi internazionali:

  • Promuovere una partecipazione attiva all’interno dei comitati tecnici delle diverse sezioni sia in ambito europeo che mondiale, lavorando anche per far eleggere rappresentanti italiani all’interno dei comitati esecutivi degli organi internazionali
  • Stringere rapporti con le federazioni internazionali più virtuose e studiarne i modelli gestionali e organizzativi
  • Studiare un piano pluriennale per portare in Italia eventi internazionali di rilievo, a partire dai Mondiali 2017 di ginnastica ritmiche che si svolgeranno a Pesaro

 

  1. FGI SERVIZI

Probabilmente il punto più rivoluzionario del programma di Jury Chechi: l’istituzione di una società interamente di proprietà della Federazione con un cda autonomo al cui interno lavorano professionisti specializzati nei diversi ambiti di intervento.

La FGI Servizi si occuperà di sviluppare e gestire con progetti a lungo termine le attività della Federazione legate ad aspetti gestionali e organizzativi:

  • Grandi eventi
  • Ufficio marketing per lo sviluppo di un brand riconosciuto a livello internazionale
  • Gestione di immobili e servizi di proprietà della Federazione
  • Reperimento delle risorse economiche derivanti da sponsorizzazioni e partnership

In questo modo la FGI Servizi cambierà radicalmente la logica di lavoro per sviluppare il movimento, affidando a dei professionisti il compito di programmare tutto ciò di cui la FGI ha necessità per raggiungere i risultati e gli obiettivi prefissati.

Lo scopo è dunque quello di creare un circolo virtuoso: risorse economiche > investimenti > risultati agonistici > grandi eventi > maggior seguito.

 

Tag

Lascia un commento

Top