Calcio femminile, Supercoppa Italiana 2016: Brescia-Verona 2-0, decide Sabatino con una doppietta

Edoardo-Gramignoli_Brescia-calcio-femminile-4.jpg

Allo Stadio “Rino Mercante” di Bassano del Grappa va al Brescia di Milena Bertolini il successo della finale di Supercoppa Italiana, primo appuntamento ufficiale della stagione 2016-2017 del calcio femminile italiano. Le biancoblu hanno superato 2-0 l’Agsm Verona, nel remake dell’ultimo atto dell’anno scorso. Protagonista assoluta del confronto è stata Daniela Sabatino che, con una doppietta firmata al 62′ ed al 90′, ha regalato alle bresciane la prima soddisfazione di questa nuova annata e il terzo trofeo consecutivo.

PRIMO TEMPO –  Formazione lombarda che si schiera con un Marchitelli, Gama, D’Adda, Salvai, Fuselli, Cernoia, Mele, Rosucci, Bonansea, Girelli, Sabatino, fronteggiando le veronesi con la difesa a tre. Scaligere che rispondono con un assetto aggressivo caratterizzato dal seguente undici: Thalmann, Dolstra, Galli, Carro, Di Criscio, Giugliano, Soffia, Piemonte, Bruinenberg, Rodella, Williams. Un match che nei primi 45′ non offre tanti spunti per la tanta confusione nella zona nevralgica del campo e con azioni affidate più ad iniziative personali. Sono due le conclusioni degne di nota tra le fila delle leonesse, firmate da Cernoia  al 11′ e da Bonansea al 23′, non trovando però la via della rete. Sul versante gialloblu, si risente dell’assenza di Melania Gabbiadini, in panchina per un infortunio. Tuttavia al 28′ è dell’Agsm l’occasione migliore del primo tempo grazie ad una percussione sulla fascia della classe 2000 Soffia che mette in moto Piemonte, abile nel vedere smarcata l’ex Williams che serve un pallone al bacio per Giugliano non concretizzato dal talento di Castelfranco Veneto, da ottima posizione. Non succede più nulla nei restanti 17 minuti con le due compagini che vanno al riposo sullo 0-0.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa le campionesse d’Italia in carica si dimostrano più dinamiche ed aggressive ed è lo stantuffo Bonansea a fare la differenza. Al 59′ l’esterno delle rondinelle fa partire una conclusione di collo esterno sinistro che va stamparsi sulla traversa e, tre minuti più tardi, è sempre la giocatrice della nazionale italiana a rendersi protagonista con un cross assai insidioso su cui si fa trovare pronta Sabatino che di testa coglie il montante, alla sinistra dell’estremo difensore scaligero, e sul rimpallo è abile a realizzare portando in vantaggio il Brescia al 62′. Le rondinelle, da questo momento, dispongono dell’incontro a proprio piacimento sfiorando la seconda realizzazione con Girelli che al volo di destro impegna Thalmann sugli sviluppi di un corner al 82′. Raddoppio che si tramuta in realtà allo scadere sempre con il rapace d’area Sabatino che, servita da Mele, porta a due le marcature in questa finale, mettendo il sigillo sull’incontro.

BRESCIA – VERONA 2-0

Marcatrici: Sabatino al 62′, 90′

Brescia: Marchitelli, Gama, D’Adda, Salvai, Fuselli, Cernoia, Mele, Rosucci, Bonansea, Girelli, Sabatino.
A disposizione: Ceasar, Manieri, Lenzini, Eusebio, Serturini, Ghisi, Pezzotta.
Allenatore: Milena Bertolini.

Agsm Verona: Thalmann, Dolstra, Galli, Carro, Di Criscio, Giugliano, Soffia, Piemonte, Bruinenberg, Rodella, Williams.
A disposizione: Preuss, Gabbiadini, Kongouli, Boattin, Pasini, Nichele, Osetta.
Allenatore: Renato Longega.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Foto di Edoardo Gramignoli

Lascia un commento

Top