Atletica, Diamond League 2016: Sandi Morris terza donna a 5 metri, primato nazionale per Palameika

Atletica-Sandi-Morris.jpg

Il Memorial Van Damme di Bruxelles rappresenta l’ultimo appuntamento del 2016 con la Diamond League di atletica leggera. Vediamo la prima parte dei risultati del meeting della capitale belga.

TIRO DEL GIAVELLOTTO FEMMINILE – Grande prova finale per la ventinovenne lettone Madara Palameika, che si aggiudica la vittoria della gara ed il diamante. La baltica ha realizzato anche il nuovo primato nazionale, grazie ad un primo lancio da 66.18 metri, precedendo nettamente la primatista mondiale, la ceca Barbora Špotáková (63.78 m), e la statunitense Kara Winger, brava a realizzare il proprio season best 61.86 metri.

LANCIO DEL DISCO MASCHILE – Con un terzo lancio da 65.78 metri, il ventiquattrenne svedese Daniel Ståhl si è aggiudicato la gara davanti al veterano polacco Piotr Małachowski, grande protagonista della stagione. La piazza d’onore con 65.27 metri gli è comunque stata sufficiente per vincere la classifica della specialità, mentre sul podio odierno è finito anche l’austriaco Lukas Weißhaidinger (64.73 m).

SALTO TRIPLO FEMMINILE – Copione rispettato anche per quest’ultima prova, con la colombiana Caterine Ibargüen che ha ottenuto l’ennesima vittoria. La trentaduenne che detiene il titolo olimpico e quello mondiale ha chiuso con 14.66 metri, ratificando il successo già certo in Diamond League. Secondo posto per la kazaka Olga Rypakova (14.41 m), campionessa olimpica di quattro anni fa, terza la campionessa europea, la portoghese Patrícia Mamona (14.16 m).

SALTO CON L’ASTA FEMMINILE – La statunitense Sandi Morris è diventata la terza donna nella storia a raggiungere i cinque metri dopo la russa Elena Isinbaeva e la connazionale Jennifer Suhr. La vicecampionessa olimpica ha raggiunto i 5.00 metri tondi, battendo la greca Ekaterini Stefanidi (4.76 m), che comunque conquista il diamante, e la svizzera Nicole Buchler (4.58 m). La prestazione dell’astista a stelle e strisce ha così realizzato la miglior prestazione dell’anno, il record del meeting, il record della Diamond League ed il record nazionale all’aperto.

SALTO IN ALTO MASCHILE – Ultima gara al cardiopalmo per la specialità dell’alto: le misure non sono eccezionali, ma lo statunitense Erik Kynard commette meno errori di tutti fino ai 2.32 metri, riuscendo ad aggiudicarsi sia la tappa che la Diamond League. Stessa misura anche per il qatarino Mutaz Essa Barshim, che chiude così secondo in entrambe le classifiche, e per il britannico Robbie Grabarz, terzo.

400 METRI OSTACOLI FEMMINILI – Successo e vittoria del diamante per la statunitense Cassandra Tate, che ha anche realizzato il proprio season best in 54″47. Alle sue spalle ha chiuso la campionessa europea in carica, la danese Sara Petersen (54″60), mentre in terza posizione troviamo la giamaicana Kaliese Spencer (55″05).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top