Ginnastica, Olimpiadi Rio 2016 – Italia, è il tuo momento! Azzurre all’assalto: 5 Leonesse per azzannare le finali

Italia-body-Olimpiadi-1.jpg

L’ora dell’Italia scoccherà oggi pomeriggio, alle nostre 16.30 (le 11.30 in Brasile). La Nazionale di ginnastica artistica femminile scenderà in pedana per disputare il turno di qualificazione delle Olimpiadi 2016.

Il quintetto azzurro sarà impegnato nella seconda di cinque suddivisioni: il sorteggio ci costringe a gareggiare praticamente in apertura, ben prima di tutte le dirette avversarie. I punteggi di solito si alzano nel corso della giornata e questo potrebbe danneggiare la formazione guidata da Enrico Casella che si presenta all’appuntamento con una serie importante di obiettivi da raggiungere.

Vanessa Ferrari e compagne hanno nel mirino la Finale del team evente, da agguantare per la seconda volta consecutiva nella nostra storia dopo il settimo posto di Londra 2012. Questa volta si proverà a puntare anche più in alto, verso quella zona medaglie che al momento sembra irraggiungibile ma che martedì sera potrebbe clamorosamente pararsi davanti.

Le azzurre andranno all’assalto per prendersi i loro sogni ma servirà la gara perfetta per non essere costretti a sperare fino a notte fonda, magari rischiando, rimanendo con il fiato sospeso e il timore di rimanere fuori dalle magnifiche otto.

Vanessa Ferrari e Carlotta Ferlito puntano anche alla Finale All-Around (obiettivo semplice, non dovrebbero avere problemi) e anche alle Finali di Specialità: trave e corpo libero per la Campionessa del Mondo 2006, 10cm per la siciliana ma non dobbiamo dimenticare le possibilità di Erika Fasana al quadrato. Sono questi i passaggi cruciali della nostra gara insieme ai tre doppi avvitamenti che avremo al volteggio (Ferlito dovrebbe essere la novità), le parallele di Martina Rizzelli e la difficile trave di Elisa Meneghini.

L’Italia sulla carta potrebbe e dovrebbe fare gara con Gran Bretagna e Brasile (impegnate in terza suddivisione), Canada e Giappone (in ultima suddivisione) senza dimenticarsi di Francia (in quinta), Belgio (in prima) e Olanda (in quarta con gli USA).

Abbiamo bisogno di cinque Leonesse che, dopo i quinti posti dei Mondiali 2014 e 2015, si replichino anche sotto i cinque cerchi! Gamba a tutte.

stefano.villa@oasport.it

Lascia un commento

Top