Ciclismo, Olimpiadi Rio 2016: gara thriller. Van Der Breggen oro, Longo Borghini magnifico bronzo

Elisa-Longo-Borghini-Pier-Colombo.jpg

Una corsa che si è rivelata addirittura più dura di quanto ci si aspettava: dopo gli uomini, anche le donne pagano duramente il circuito di Vista Chinesa per la prova in linea delle Olimpiadi di Rio. Più che la salita, con pendenze arcigne, a fare la differenza è la discesa, che con qualche goccia di pioggia ha creato davvero grossi guai alle atlete. Una drammatica caduta è costata all’olandese Van Vleuten non solo la vittoria che sembrava essere in cassaforte, ma anche un brutto infortunio che è ancora da identificare. Visto che il ciclismo prende e poi dà, l’Olanda è riuscita a trionfare lo stesso, grazie ad Anna Van Der Breggen che si è imposta al termine di uno sprint clamoroso sulla svedese Emma Johansson e sull’italiana Elisa Longo Borghini, autrice di una prova maiuscola.

Dopo una leggera fase di studio la prima coraggiosa ad andare all’attacco è stata  la belga Lotte Kopecky, che ha guadagnato da subito un paio di minuti sul gruppo, che con il passare dei chilometri sono arrivati fino a 4′. La tedesca Kasper ha provato ad andare al contrattacco, ma la sua azione in avanscoperta è durata davvero pochi minuti. La prima importante mossa è stata quella di Van Dijk (Olanda), Armstrong (USA), Plichta (Polonia) e Bronzini (Italia), che sul circuito di Grumari hanno cambiato passo, costringendo il gruppo tirato dalla Gran Bretagna all’inseguimento. Nel secondo passaggio sulle salite di Grumari il plotone si è definitivamente spezzato sotto la spinta dell’Olanda, ma fino a circa 50 chilometri dal traguardo le emozioni sono rimaste poche.

Azione fondamentale a 33 dall’arrivo: Elena Cecchini si è avvantaggiata con Vos (Olanda), Ferrand-Prévot (Francia), Jasinska (Polonia), Elvin (Australia), Vekemans (Belgio) e Worrack (Germania), tutte atlete di grandissima caratura mondiale. Per loro 1′ di vantaggio massimo sul gruppo principale. A ricucire la situazione è stato questa volta lo squadrone statunitense con Mara Abbott, che si trovava esclusa dal tentativo di fuga. L’andatura pazzesca della ciclista americana ha fatto differenze incredibili nel plotone di testa: staccate tantissime delle favorite annunciate come Vos (Olanda), Guarnier (USA), Amialiusik (Bielorussia) e Armitstead (Gran Bretagna). A 20 chilometri dal traguardo ad attaccare è stata l’olandese Anna Van Der Breggen, seguita da una fantastica Elisa Longo Borghini. L’attacco ha distrutto ancor di più il gruppo e sul finale dell’ultima ascesa sono rimaste davanti soltanto quattro atlete: una statunitense Abbott (USA), due olandesi Van Vleuten e la sopracitata Van Der Breggen ed un’italiana, Elisa Longo Borghini. A 18 dal termine Van Vleuten e Abbott sono riuscite a staccare le altre due contendenti, raggiunte da una Johansson in rimonta.

Nella discesa di Vista Chinesa, bagnata da qualche goccia di pioggia, è successo di tutto. In prima battuta Van Vleuten ha staccato la compagna di fuga Abbott, poi, proprio in una delle ultime curve, l’olandese è finita a terra con un bruttissimo salto mortale. A ritrovarsi davanti in solitaria, con una situazione parallela a quella di Majka negli uomini, è stata la Abbott. Gli ultimi 8 chilometri di pianura sono stato un lunghissimo inseguimento tra la Abbott e le tre inseguitrici. Lo splendido lavoro di Elisa Longo Borghini nell’ultimo chilometro è stato utile a raggiungere e staccare la statunitense: l’azzurra allo sprint non ne ha avuto per giocarsi l’oro, ma ha conquistato un bronzo magnifico. A prendere l’oro è l’Olanda con Anna Van Der Breggen che in volata ha preceduto la svedese Emma Johansson. Solo quarta, dopo aver sognato per chilometri, la vittoria, la Abbott.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

Top