Atletica, Olimpiadi Rio 2016: Eliud Kipchoge conquista la maratona e torna sul podio olimpico

Atletica-Eliud-Kipchoge.jpg

L’ultima giornata dei Giochi Olimpici di Rio 2016 ha assegnato le medaglie di una delle gare più attese delle due settimane a cinque cerchi, quella della maratona maschile. A dominare la gara è stato uno dei favoriti della vigilia, il trentunenne keniota Eliud Kipchoge, già vincitore delle ultime due edizioni della maratona di Londra, che ha tagliato il traguardo in 2h08’44”. Per lui si tratta della terza medaglia olimpica, visto che nella prima parte della carriera si era dedicato ai 5.000 metri, distanza della quale è stato anche campione mondiale a Parigi 2003, ottenendo il bronzo ad Atene 2004 e l’argento a Pechino 2008.

Torna su un podio di rilievo internazionale anche l’etiope Feyisa Lilesa, bronzo ai Mondiali del 2011, che ha conquistato l’argento in 2h09’54”, mentre sorprende la medaglia di bronzo dello statunitense Galen Rupp, atleta proveniente dalla pista, che si è recentemente lanciato nella maratona, e che ha chiuso con il proprio primato personale da 2h10’05”. Se gli ultimi chilometri sono stati caratterizzati da una lotta a tre, prima che Kipchoge prendesse il largo, sono arrivati distanti tutti gli altri, a partire dal campione iridato in carica, l’eritreo Ghirmay Ghebreslassie, quarto in 2h11’04, mentre ottiene un lusinghiero quinto posto il tanzaniano Alphonce Felix Simbu (2h11’15”).

Prova negativa per i colori azzurri, che hanno anche pagato il ritiro precoce del campione europeo di due anni fa, Daniele Meucci. Ruggero Pertile ha infatti chiuso in 38ma posizione in 2h17’30”, mentre Stefano La Rosa è 57mo con il crono di 2h18’57”. Il miglior rappresentante del continente europeo è stato lo svizzero di origine eritrea Tadesse Abraham, già vincitore della mezza maratona nella rassegna continentale di Amsterdam, che ha ottenuto il settimo posto in 2h11’42”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top