Ciclismo femminile: Longo Borghini e Guderzo in forma Rio 2016. Le azzurre possono puntare in alto

ciclismofemminile-federc.jpg

L’appena trascorso Giro Rosa 2016 ha consacrato l’americana Megan Guarnier, capace di succedere nell’albo d’oro all’olandese Anna Van der Breggen. La corsa rosa al femminile ha però fornito ottime impressioni al selezionatore azzurro Edoardo Salvoldi in vista delle imminenti Olimpiadi di Rio 2016.

Si sono ben comportate infatti sia Elisa Longo Borghini che Tatiana Guderzo. Entrambe possono sognare un posto al sole in quel di Rio, sia per la già ottima gamba palesata al Giro, sia per le caratteristiche del percorso Olimpico che ben si sposa con i punti di forza delle due ragazze azzurre. Pavè, salite impegnative e pericolo vento durante i 20 km che costeggeranno la costa carioca. C’è davvero di tutto nei 141 km che animeranno la battaglia a cinque cerchi, in programma il 7 agosto (clicca qui per consultare il programma di ciclismo su strada).

Il Giro Rosa smaltito da poco meno di 24 ore è stato disegnato anche e soprattutto in chiave olimpica. Tante salite, tante frazioni “nervose”, in cui sia Elisa che Tatiana hanno dimostrato prontezza e brillantezza. Quest’ultima ha concluso al 6° posto la durissima corsa a tappe, mostrando maggiore continuità nell’arco dei 10 giorni. Per Longo Borghini invece diversi piazzamenti, tra cui spiccano il secondo posto nella tappa del Mortirolo (proprio davanti a Guderzo), ed il terzo nella ostica cronometro individuale.

Segnali che fanno davvero ben sperare in vista della gara valida per le medaglie.

Foto: Federciclismo

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

Lascia un commento

Top