Atletica, Europei allievi 2016: Alessandro Sibilio oro e primato sui 400 ostacoli

Atletica-Alessandro-Sibilio.jpg

Ultima giornata di gare a Tbilisi, dove si sono tenuti questa settimana i primi Campionati Europei allievi di atletica leggera.

Dopo le due medaglie della giornata di ieri, l’Italia ha conquistato un altro grande risultato con l’ostacolista Alessandro Sibilio. Il diciassettenne napoletano ha infatti completato la finale dei 400 metri con ostacoli in 51″46, realizzando il proprio primato personale e prendendosi così la medaglia d’oro ed il titolo di campione continentale della categoria. Staccato di un decimo, il grande favorito spagnolo Aleix Porras si è dovuto accontentare dell’argento (51″56, ad oltre un secondo dal suo record europeo allievi stabilito quest’anno in 50″38), mentre a completare il podio è stato il tedesco Emil Agyekum.

Il pomeriggio di finali si era aperto con il lancio del disco maschile, prova che ha incoronato il cipriota Georgios Koniarakis (62.16 metri), bravo a battere con il suo secondo tentativo i tedeschi Tim Ader (60.84 m) e Jan Vasco Bringmann (60.62 m), entrambi capaci di realizzare il proprio primato personale.

Oro britannico nel salto in lungo femminile, con Holly Mills che ha dovuto ricorrere al suo secondo miglior salto per aggiudicarsi la medaglia d’oro sulla slovena Maja Bedrač, dopo che entrambe erano riuscite a saltare a 6.19 metri. Situazione simile per la medaglia di bronzo, dove la portoghese Marisa Carvalho ha beffato l’ungherese Petra Beáta Farkas (6.08 metri per entrambe).

Primato personale e medaglia d’oro per la svedese Maja Nilsson, che nel salto in alto è stata l’unica capace di volare ad 1.82 metri. Argento per la lituana Urte Baikstyte (1.79 m), bronzo alla greca Déspina Maltabé (1.75 m al primo tentativo). L’azzurrina Marta Morara si è classificata ottava con la quota di 1.70 metri.

Favorita della vigilia, la finlandese Viivi Lehikoinen ha vinto la gara dei 400 metri con ostacoli in 58″28, nonostante le sue avversarie abbiano fatto di tutto per batterla: sia la svizzera Yasmin Giger, argento in 58″39, che la spagnola Sara Gallego, bronzo in 58″73, infatti, hanno realizzato il proprio record personale, senza però riuscire a superare l’atleta nordica.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top