Tennistavolo, finale scudetto: doppia festa Castel Goffredo! Negrisoli lascia da fuoriclasse

Tian.Jing_.Laura_.Negrisoli.finale.scudetto.a1.femminile.tennistavolo.2016.foto_.roberto.muliere-1.jpg

Niente scudetto numero 19 negli ultimi 21 anni per Laura Negrisoli, ma la regina del tennistavolo italiana, nata a Mantova e in forza alla Teco Cortemaggiore che ieri sera ha perso la serie di finale playoff proprio contro il Castel Goffredo, lascia da fuoriclasse pura.

Dopo il 4-0 dell’andata, il match di ritorno tra lombarde ed emiliane sembrava poco più di una formalità per bissare il tricolore vinto sabato sera dagli uomini, e invece l’incontro è terminato 3-3 dopo quattro ore e mezza di battaglia. Festa per il Turini, dunque, ma anche grandi applausi per le ex campionesse d’Italia che hanno abdicato con grande onore.

Negrisoli si è presa il primo singolare contro Tian Jing annullando ben sei match point (era sotto 5-10 nel quinto set). Il punto decisivo l’ha firmato la giovane Le Thi Hong Loan con un altro 3-2, questa volta in rimonta su Giorgia Piccolin, dopo che nella quarta partita Tian Jing ha fallito un title point contro Wang Yu. Sfide tirate ed equilibrate, emozionanti e divertenti: lo spettacolo non è di certo mancato a Castel Goffredo, che riabbraccia lo scudetto femminile a sei anni di distanza dal 2010.

È stata tutta una partita in salita per noi, però abbiamo avuto il merito di non mollare mai e siamo stati bravi – ha dichiarato il tecnico Alfonso Laghezza al sito federale -. Non avrei mai immaginato di vincere questo scudetto con l’ultimo punto decisivo della Loan. Ha conquistato il successo nonostante non fosse nel suo migliore stato di forma ed è stata formidabile mentalmente. Una grandissima prova di maturità da parte sua. È il massimo che potessi chiedere a questa serata, dal momento che la alleno da sette anni, e il risultato di molte stagioni di duro lavoro“.

Sapevo che le ragazze sarebbero state capaci di una prestazione del genere – le parole dell’allenatore ospite, Michael Oyebode -. È un vero peccato non aver completato l’opera. Non so se ci sia stata una finale scudetto così combattuta. Personalmente non avevo mai vissuto una serata così. Laura è stata veramente eccezionale e mi dispiace che smetta di giocare a tennistavolo. Mi ha anche aiutato molto in panchina e le sono riconoscente per quello che ha fatto“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto: Roberto Muliere

Lascia un commento

Top