Tennistavolo, A1 maschile: scudetto per il Castel Goffredo! Stasera bis con le donne?

Castel-Goffredo-scudetto-maschil3-2016-tennistavolo-foto-Roberto-Muliere.jpg

Con il 3-3 casalingo di ieri sera contro l’Apuania Carrara, il Castel Goffredo ha vinto lo scudetto della Serie A1 di tennistavolo maschile per la quinta volta nella sua storia dopo il 2002, il 2003, il 2009 e il 2010. Troppo forti i lombardi, trascinati da Cheng Qian, Marco Rech Daldosso e da uno dei migliori vivai d’Italia, già mattatori in Toscana per 4-1 e imbattuti in stagione con otto successi e quattro pareggi tra regular season e playoff.

La festa dei mantovani, tuttavia, potrebbe continuare questa sera: alle 19 è infatti previsto il ritorno della finale femminile tra le padrone di casa e la Teco Cortemaggiore, ko all’andata con un rotondo 4-0. Come per i compagni uomini, anche alle atlete del Castel Goffredo basterà un pareggio per il tricolore. E tutto lascia presagire che sarà doppia festa.

Sono stati determinanti i primi due incontri – ha detto al sito federale il tecnico Alfonso Laghezza -. Cheng e Marco sono partiti carichissimi e molto aggressivi e la gara si è messa subito sui binari giusti. Era importante iniziare bene per non avere timori nei match successivi. Peccato per Luca [Bressan, ndr], che ha avuto chance con Baciocchi e avremmo potuto chiuderla lì. Gli è mancato un pizzico di cattiveria ed esperienza, che deve ancora acquisire. Anche Matteo [Mutti, ndr] contro Baciocchi ha disputato una bella partita e ovviamente non ci stava a perdere. Ha avuto l’opportunità di vincere per 3-1 e non l’ha sfruttata. Questa serata sarebbe stata ancora più bella se i nostri due giovani avessero fatto punti. Naturalmente va bene anche così, al termine di una grande stagione, che speriamo si concluda in modo ancora più trionfale domani sera [oggi, ndr]”.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto: Roberto Muliere

Lascia un commento

Top