Storia delle Olimpiadi: Gabriella Dorio, la più bella sorpresa dell’atletica azzurra a Los Angeles ‘84

Gabriella-Dorio.jpg

Alle Olimpiadi “contro-boicottate” di Los Angeles ’84 l’Italia conquistò tre medaglie d’oro nell’atletica leggera: la meno attesa fu quella di Gabriella Dorio nei 1500 metri. La 27enne veneta raccolse sulla pista californiana il frutto di un impegno ultradecennale che le aveva fatto collezionare piazzamenti a livello europeo e mondiale, senza però mai portare a casa la posta piena negli appuntamenti “top”…

Gabriella fece per la prima volta parlare di sé sui giornali a tiratura nazionale nel 1971, anno in cui vinse, quattordicenne, i 1000 m piani ai Giochi della Gioventù (quando questi contavano davvero e sfornavano qua e là atleti niente male…). Da allora fece segnare diversi primati nelle categorie giovanili e partecipò ai Campionati Europei juniores, dove concluse ottava negli 800; sempre nel 1973 si aggiudicò il suo primo titolo italiano assoluto nei 1500 m piani.

Nel 1974 vinse il titolo nazionale assoluto negli 800 metri e partecipò ai Campionati Europei di Roma, dove si classificò nona nei 1500 m. L’anno successivo passò alla società Fiamma Atletica Vicenza e arrivò terza nei 1500 agli Europei Juniores; stesso piazzamento nel 1976 ai Mondiali di cross. Quell’anno esordì anche ai Giochi: a Montréal fu sesta nei 1500 metri e non andò oltre le semifinali nel doppio giro di pista.

Quattro anni dopo, alla vigilia delle Olimpiadi di Mosca, fece segnare il nuovo record italiano negli 800 m portandolo a 1 minuto 57 secondi 66 centesimi, tempo a tutt’oggi imbattuto. Nella capitale sovietica non riuscì ad andare oltre l’ottavo posto negli 800 m e al quarto nei 1500 m: il podio a cinque cerchi era ormai maturo…

Nel 1981, vinse la medaglia d’oro alle Universiadi di Bucarest con il tempo di 4:05.35, precedendo la rumena Doina Melinte (attenzione a questo nome) e la russa Olga Dvirna; in quella stessa occasione, si aggiudicò la medaglia d’argento sulla distanza più corta, dietro la Melinte. Nel 1982 conquistò, sui 1500, l’oro agli Europei indoor, il bronzo ai Campionati continentali all’aperto e fissò il record italiano della distanza: crono di 3:58.65 ancora imbattuto. Prima italiana della storia a scendere sotto il muro dei quattro minuti nei 1500.

Nel 1983, come nell’anno precedente, si concentrò esclusivamente sulla distanza più lunga, arrivando a sfiorare il podio agli Europei indoor ed riaggiudicandosi – con il tempo di 4:07.26 – la medaglia d’oro alle Universiadi, appena 8 centesimi meglio della solita rivale rumena Doina Melinte. In Coppa Europa, a Sittard, in meno di tre ore corse gli 800 e i 3000 metri, vincendo entrambe le gare in 2:00.05 e 9:04.96. Nella prima edizione dei Campionati Mondiali di Helsinki fu settima con rimpianto nei 1500, in una gara in cui negli ultimi 200 metri venne disturbata proprio nel momento del “lancio” dello sprint finale.

Arriviamo infine ai Giochi Olimpici di Los Angeles ‘84, quelli boicottati dall’URSS e da quasi tutto il Blocco sovietico (la Romania però, con l’eccezione del torneo di calcio a cui rinunciò nonostante la qualificazione sul campo, vi partecipò regolarmente). La nostra Gabriella Dorio gareggiò sia negli 800 che nei 1500 metri. Dopo aver affrontato i massacranti turni degli 800 metri, dove colse un altro quarto posto olimpico, la mezzofondista di Veggiano costruì il capolavoro tattico della sua vita d’atleta nella finale degli amati 1500 metri.

La condotta di gara dell’azzurra fu d’attacco. Per 1300 metri l’immancabile Melinte (già vincitrice nella stessa rassegna degli 800, ndr) la marcò stretta, poi tentò l’allungo, ma il margine guadagnato non fu sufficiente; sul rettilineo finale Gabriella accelerò impetuosamente, s’infilò nella feritoia giusta ed ai 30 metri s’involò imprendibile verso la Gloria… Vittoria in 4:03.25: il sogno olimpico di Gabriella Dorio si materializzò sottoforma di biondo metallo e dolci note. Con l’Italia intera in piedi ad applaudire

Nel corso della sua carriera, la Dorio ha stabilito 12 primati italiani su distanze che variano dagli 800 ai 3000 m, si è aggiudicata 7 titoli italiani negli 800 m, 10 titoli nei 1500 m, 4 titoli indoor (2 negli 800 m e 2 nei 1500 m) ed è stata anche due volte campionessa nazionale assoluta di corsa campestre! Complessivamente, ha vestito per 65 volte la maglia azzurra: una vera colonna portante del mezzofondo azzurro femminile.

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin
Storia delle Olimpiadi, ventottesima puntata: Giovanna Trillini
Storia delle Olimpiadi, ventinovesima puntata: la straordinaria pesistica italiana 1924
Storia delle Olimpiadi, trentesima puntata: Roberto Di Donna
Storia delle Olimpiadi, trentunesima puntata: l’Italia dell’hockey pista 1992
Storia delle Olimpiadi, trentaduesima puntata: il “due con” azzurro 1968
Storia delle Olimpiadi, trentatreesima puntata: l’oro della nazionale italiana di calcio 1936
Storia delle Olimpiadi, trentaquattresima puntata: Galliano Rossini
Storia delle Olimpiadi, trentacinquesima puntata: Patrizio Oliva
Storia delle Olimpiadi, trentaseiesima puntata: Giovanni Lombardi
Storia delle Olimpiadi, trentasettesima puntata: Uberto De Morpurgo
Storia delle Olimpiadi, trentottesima puntata: Giulio Gaudini
Storia delle Olimpiadi, trentanovesima puntata: il ciclismo italiano a Tokyo ’64
Storia delle Olimpiadi, quarantesima puntata: Norberto Oberburger
Storia delle Olimpiadi, quarantunesima puntata: Antonio Rossi
Storia delle Olimpiadi, quarantaduesima puntata: la fiamma olimpica
Storia delle Olimpiadi, quarantatreesima puntata: Ulderico Sergo
Storia delle Olimpiadi, quarantaquattresima puntata: Ugo Frigerio
Storia delle Olimpiadi, quarantacinquesima puntata: l’eccezionale ciclismo su pista azzurro ad Atlanta ’96
Storia delle Olimpiadi, quarantaseiesima puntata: i “Tre Moschettieri di Amsterdam”
Storia delle Olimpiadi, quarantasettesima puntata: Enrico Porro
Storia delle Olimpiadi, quarantottesima puntata: Pierpaolo Ferrazzi
Storia delle Olimpiadi, quarantanovesima puntata: il “quattro di coppia” azzurro a Sydney
Storia delle Olimpiadi, cinquantesima puntata: Rode – Straulino
Storia delle Olimpiadi, cinquantunesima puntata: Abdon Pamich
Storia delle Olimpiadi, cinquantaduesima puntata: Alberto Braglia
Storia delle Olimpiadi, cinquantatreesima puntata: Riccardi, Ragno, Cornaggia-Medici
Storia delle Olimpiadi, cinquantaquattresima puntata: Helene Mayer
Storia delle Olimpiadi, cinquantacinquesima puntata: il “quattro con” azzurro 1928
Storia delle Olimpiadi, cinquantaseiesima puntata: Carl Lewis

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Lascia un commento

Top