Pallanuoto femminile, World League 2016: è Setterosa intenso a Bari. Travolta l’Olanda, si vola a Shanghai per la Super Final!

Tania-Di-Mario-Pallanuoto-Daniela-Bolla2.jpg

Il Setterosa si tuffa nella vasca dello Stadio del Nuoto di Bari senza alternative a disposizione: può solo vincere, se intende volare a Shanghai per l’ambita Super Final. Russia e Ungheria hanno infatti già vinto. Le guerriere allenate dal CT Conti mettono così subito le cose in chiaro, facendo capire alle olandesi chi deve assolutamente imporre oggi quella regola non scritta chiamata “legge di casa”.

Le due traverse immediate di Emmolo e Garibotti fanno da antipasto all’abbuffata di gol e spettacolo che le Nostre serviranno nel corso dell’intera partita. Il vantaggio dell’Italia arriva alla prima superiorità numerica (trascorso un minuto e mezzo) con il centroboa Frassinetti; pareggio immediato di Stomphorst, con le azzurre alla prima inferiorità numerica della partita. A cinque minuti e sedici secondi dalla fine del primo segmento di match, capitan Di Mario, da lontanissimo, sigla il 2-1. Al successivo possesso ospite, c’è però la doppietta della numero sei oranje. A quattro e mezzo dalla sirena, palombella chirurgica di Garibotti: 3-2. Il 4-2 arriva alla seconda superiorità numerica delle azzurre: assist di Emmolo, fucilazione di Aiello a due passi dall’estremo difensore Aarts (tutt’altro che impeccabile quest’oggi). Terza superiorità azzurra, terzo gol (Emmolo), dalla destra, sul palo “protetto” dal portiere arancione: 5-2 all’intervallo 1.

Allo scadere del primo possesso ospite del secondo quarto, gol della numero 10 Van der Graaf. Pareggia bomber Emmolo dopo un minuto. 6-3. A metà quarto, fantastica manovra del Setterosa: Garibotti pesca al centro la solita Frassinetti che smanaccia in rete. 7-3. Accorcia ancora Stomphorst. A tre minuti dall’intervallo lungo, golazo di Radicchi per l’8-4. La sfera gira che è una bellezza tra le mani del Setterosa, Frassinetti imperversa nel cuore nell’area, Gorlero para tutto il parabile: è 8 a 4 a metà partita.  

L’Olanda rientra in vasca cattiva: subitanea rete di Sevenich; l’Italia di più: nemmeno un minuto di gioco ed il +4 è ristabilito. Radicchi oggi sa realizzare solo reti stupende: si passa sull’11 a 5 in men che non si dica. C’è gloria anche per Pomeri e Queirolo: 13-5 al terzo intervallo.

Ultima frazione di gioco, le ragazze di coach Conti tirano un po’ i remi in barca, dopo 24 minuti di dispendioso e proficuo show. Capitan Smit, due volte, e Sevenich firmano l’ormai platonico 13-8 temporaneo. Bianconi, il poker di Stomphorst, Tabani e Rogge fissano il risultato sul 15-10 definitivo.

Le ragazze del Setterosa, lo staff tecnico ed il copioso pubblico affamato di sport accorso allo Stadio del Nuoto del capoluogo pugliese possono legittimamente esultare. Si vola alla Super Final di Shanghai, dove l’Italia non si recherà certo in gita-premio (il Setterosa non ha mai vinto una World League nella sua storia…).

Il tabellino del match

Italia-Olanda 15-10 (5-2, 3-2; 5-1, 2-5)

Italia: Gorlero, Tabani 1, Garibotti 1, Queirolo 1, Radicchi 3, Aiello 1, Di Mario (C) 1, Bianconi 1, Emmolo 3, Pomeri 1, Cotti, Frassinetti 2, Teani. Coach: Fabio Conti

Olanda: Aarts, Smit (C) 2, Rogge 1, Van der Sloot, Genee, Stomphorst 4, Nijhuis, Sevenich 2, Van der Graaf 1, Klaassen, Megens, Van der Molen, Willemsz. Coach: Arno Havenga.

Arbitri: Svetlana Dreval (Rus), Sergio Galindo (Spa)

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Daniela Bolla

giuseppe.urbano@oasport.it

Lascia un commento

Top