Storia delle Olimpiadi: Ulderico Sergo, il pugile che sconfisse anche le difficoltà del suo tempo

Ulderico-Sergo-FPI-1.jpg

Nato a Fiume nel 1913, Ulderico Sergo fece il suo esordio pugilistico nel 1929, sedicenne, in seno alla locale Accademia pugilistica e da quell’anno, fino allo scoppio della seconda guerra mondiale, raccolse una serie incredibile di vittorie tra i dilettanti: campione italiano dei pesi gallo per tre volte (Ferrara 1933, Napoli 1934, Parma 1938), due titoli europei a Milano 1937 e Dublino 1939 e, soprattutto, la vittoria olimpica a Berlino 1936. Inoltre, fra il 1935 al 1940, fece suo per ben quattro volte a Chicago il prestigioso Guanto d’Oro.

Ai Giochi Olimpici del Terzo Reich conquistò la medaglia d’oro battendo lo statunitense Jackie Wilson ai punti. Sempre per verdetto dei giudici, Sergo si era sbarazzato precedentemente, nell’ordine: del magiaro Frigyes Kubinyi, del belga Joseph Cornelis e dello svedese Stig Cederberg. Tutti gli incontri del torneo di boxe si svolsero nella Deutschlandhalle di Berlino, maestosa struttura che avrebbe dovuto contribuire (assieme ad ogni altro momento di quelle Olimpiadi…vero Jesse…?!) alla celebrazione della Germania hitleriana.

Divenuto professionista nel 1941, raccolse poche soddisfazioni anche a causa dello scoppio della guerra, ma ebbe comunque l’occasione di misurarsi dignitosamente con i migliori pesi gallo e piuma dell’epoca: Gino Bondavalli, Guido Ferracin, Gino Cattaneo e Alvaro Cerasani. Nel febbraio 1947 fu costretto ad abbandonare Fiume, ormai passata alla Jugoslavia di Tito, e insieme alla sua famiglia si trasferì a Trieste, dove divenne allenatore dell’Accademia Pugilistica Triestina, tra le cui file militava un giovane di grandi speranze chiamato Nino Benvenuti.

In seguito si spostò a Mantova, prima di emigrare definitivamente insieme alla sua famiglia (1952) a Cleveland, dove troverà una morte beffarda nel 1967, dopo aver ingerito funghi avvelenati da lui stesso raccolti. I figli Ulderico jr. e Livia vivono tuttora nell’Ohio.

Sergo combatté per la Nazionale Italiana 24 volte, dal 1932 al 1939, anni in cui era dipendente della Raffineria Petroli Fiumana e lavorava nel reparto diretto da Eugenio Menczer, padre di quell’Erico che molti anni dopo sarebbe diventato uno dei più grandi direttori della fotografia del cinema italiano. “La medaglia d’oro di pugilato nei pesi gallo – scriverà Erico nel suo libro intitolato ‘Una vita messa a fuoco’ – la vinse un dipendente dell’azienda di mio padre, Ulderico Sergo. In ufficio erano tutti euforici, la notizia apparve su tutti i giornali e ne parlò a lungo la radio”.

Storie d’altri tempi, da pellicola in bianco e nero, ma mai sbiadite dallo scorrere inesorabile degli anni. Bellissime proprio per questo: il fascino ed il magistero del passato…

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin
Storia delle Olimpiadi, ventottesima puntata: Giovanna Trillini
Storia delle Olimpiadi, ventinovesima puntata: la straordinaria pesistica italiana 1924
Storia delle Olimpiadi, trentesima puntata: Roberto Di Donna
Storia delle Olimpiadi, trentunesima puntata: l’Italia dell’hockey pista 1992
Storia delle Olimpiadi, trentaduesima puntata: il “due con” azzurro 1968
Storia delle Olimpiadi, trentatreesima puntata: l’oro della nazionale italiana di calcio 1936
Storia delle Olimpiadi, trentaquattresima puntata: Galliano Rossini
Storia delle Olimpiadi, trentacinquesima puntata: Patrizio Oliva
Storia delle Olimpiadi, trentaseiesima puntata: Giovanni Lombardi
Storia delle Olimpiadi, trentasettesima puntata: Uberto De Morpurgo
Storia delle Olimpiadi, trentottesima puntata: Giulio Gaudini
Storia delle Olimpiadi, trentanovesima puntata: il ciclismo italiano a Tokyo ’64
Storia delle Olimpiadi, quarantesima puntata: Norberto Oberburger
Storia delle Olimpiadi, quarantunesima puntata: Antonio Rossi
Storia delle Olimpiadi, quarantaduesima puntata: la fiamma olimpica

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: FIP

Lascia un commento

Top