Giochi Olimpici: origini e storia della fiamma olimpica

Fiamma-olimpica.jpg

Per gli appassionati dei Giochi Olimpici, il momento dell’accensione della fiamma olimpica suscita sempre grande emozione, per i tanti significati simbolici che rappresenta e per quel sottile filo che, proprio grazie a questo genere di riti, collega inesorabilmente i Giochi moderni a quelli antichi.

GIOCHI OLIMPICI ANTICHI: IL SACRO FUOCO DI OLIMPIA

Per l’uomo antico, il fuoco è stato da sempre simbolo di qualcosa di sacro, di divino. Anche quando furono in grado di addomesticarlo e controllarlo, gli uomini continuarono a provare questo senso di stupore ed ammirazione di fronte alle fiamme, ma anche di grande rispetto e timore vista la pericolosità di questo elemento. Secondo il mito greco, il fuoco era un prerogativa degli Dei, fino a quando il coraggioso Prometeo osò sfidare le entità divine per donarlo agli uomini, pagando a caro prezzo l’affronto fatto a Zeus. Così, presso il tempo di Hestia ad Olimpia, venivano tenute vive delle fiamme perenni, mentre in occasione dei Giochi Olimpici, dedicati a Zeus, venivano accesi ulteriori fuochi presso i tempi dello stesso sovrano degli Dei e di sua moglie Hera, mantenuti accesi per tutta la durata della competizione sportiva.

GIOCHI OLIMPICI MODERNI: LA RISCOPERTA DEL SACRO FUOCO

Quando il barone Pierre de Coubertin decise di istituire i Giochi Moderni, la tradizione del sacro fuoco olimpico non fu subito presa in considerazione. Solamente nel 1928, ad Amsterdam, venne acceso per la prima volte nella nostra era un braciere situato in cima alla Torre di Maratona, che tutt’ora si può ammirare presso lo Stadio Olimpico della capitale olandese. L’idea di accendere la fiamma venne all’architetto Jan Wils, che nel realizzare il nuovo stadio incluse nel suo progetto la torre proprio a questo scopo. Il primo ad accendere il fuoco olimpico in occasione dei Giochi Moderni fu così un dipendente della società elettrica di Amsterdam.

Collegata alla tradizione del fuoco olimpico, è quella della staffetta olimpica, in cui vari tedofori si passano una torcia contente il sacro fuoco facendola viaggiare per lunghi tragitti. Questa usanza, però, nono esisteva nei tempi antichi, e fu introdotta solamente a Berlino 1936 da Carl Diem, il segretario generale del comitato organizzatore tedesco. La fiamma viaggiò così da Olimpia a Berlino attraverso le mani di 3.331 tedofori e per 3.187 chilometri. L’evento fu perfettamente sfruttato da Adolf Hitler per la sua propaganda, ma nonostante ciò, da allora questa usanza fu ripresa da tutte le successive edizioni olimpiche. La più lunga staffetta mai effettuata resta quella di Atene 2004, quando la torcia fece il giro del mondo in 78 giorni per una distanza di oltre 78.000 chilometri ed un totale di circa 11.300 tedofori.

Con il tempo, ci si iniziò a sbizzarrire nel disegnare forme sempre più avveniristiche per torce e bracieri, e metodi sempre più originali per accendere il sacro fuoco nella cerimonia inaugurale, spesso per mano di ex atleti protagonisti dei Giochi stessi, creando grande suspense per conoscere il nome del famigerato “ultimo tedoforo”. Una delle accensioni più spettacolari resta quella di Barcellona 1992, quando l’arciere paralimpico Antonio Rebollo scoccò una freccia infuocata verso il calderone per dare il via ai Giochi spagnoli.

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin
Storia delle Olimpiadi, ventottesima puntata: Giovanna Trillini
Storia delle Olimpiadi, ventinovesima puntata: la straordinaria pesistica italiana 1924
Storia delle Olimpiadi, trentesima puntata: Roberto Di Donna
Storia delle Olimpiadi, trentunesima puntata: l’Italia dell’hockey pista 1992
Storia delle Olimpiadi, trentaduesima puntata: il “due con” azzurro 1968
Storia delle Olimpiadi, trentatreesima puntata: l’oro della nazionale italiana di calcio 1936
Storia delle Olimpiadi, trentaquattresima puntata: Galliano Rossini
Storia delle Olimpiadi, trentacinquesima puntata: Patrizio Oliva
Storia delle Olimpiadi, trentaseiesima puntata: Giovanni Lombardi
Storia delle Olimpiadi, trentasettesima puntata: Uberto De Morpurgo
Storia delle Olimpiadi, trentottesima puntata: Giulio Gaudini
Storia delle Olimpiadi, trentanovesima puntata: il ciclismo italiano a Tokyo ’64
Storia delle Olimpiadi, quarantesima puntata: Norberto Oberburger
Storia delle Olimpiadi, quarantunesima puntata: Antonio Rossi

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top