Tennis, WTA Dubai: la rinascita di Sara Errani. Primo titolo WTA Premier per la bolognese!

Sara-Errani-Tennis-Supertennis-FB.jpg

Chissà cosa avrebbe pensato Sara Errani se, sotto 5-1 nel primo match del WTA di Dubai, le avessero detto: “Tu vincerai il torneo!”. Ebbene un qualcosa che era impensabile si è tramutato in realtà: Sarita vince il suo primo titolo Premier della carriera forse nel momento più difficile, quello della eliminazione al primo turno degli Australian Open e delle sconfitte di Fed Cup. C’era già chi parlava di giocatrice sul viale del tramonto. La risposta della campionessa c’è stata oggi. Successo contro Barbora Strycova 6-0 6-2 in 1 ora e 8 minuti di gioco ed i fantasmi funesti dell’inizio del 2016 messi alle spalle. Due settimane, per giunta, storiche per il tennis italiano che grazie a Roberta Vinci e alla bolognese ha conquistato San Pietroburgo e Dubai, WTA di rilevanza internazionale.

Venendo alla cronaca della finale una partita a senso unico nella quale l’azzurra ha sempre comandato lo scambio in lungo ed in largo mettendo in grande difficoltà la Strycova con le sue palle liftate, rimbalzi ed effetti sempre diversi. Un tennis vario che ha messo all’angolo la numero 47 del mondo, senza darle modo mai di trovare la misura del campo. Nel primo set si assiste ad una vera e propria mattanza: 3  break conquistati, 1 sola palla break concessa e prontamente annullata, il 74% dei punti conquistati grazie alla prima di servizio e il 67% dei quindici ottenuti in risposta. Dati che descrivono l’egemonia della Errani nella prima frazione vinta 6-0 in 28 minuti.

Nel secondo set la musica non cambia e Sarita lascia le briciola alla rivale. Tanti errori quelli della giocatrice ceca incapace di trovare il tempo di impatto giusto sulla palla priva di peso dell’italiana. Una tattica difensiva rivelatasi vincente che porta altri due break di vantaggio all’azzurra avendo un primo match point sul 5-1. La Strycova, spinta più dall’orgoglio, gioca il tutto per tutto mettendo a segno qualche winner ma è solo il prolungamento di un’agonia. Un epilogo nel settimo game (6-2) che vale il trionfo finale per la Errani.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Supertennis

Tag

Lascia un commento

Top