Storia delle Olimpiadi: Norberto Oberburger, l’impresa epica dell’Ercole di Merano a Los Angeles ‘84

Norbert-Oberburger-Libera.jpg

Il 7 agosto del 1984 Norberto Oberburger conquistò la medaglia d’oro ai Giochi estivi di Los Angeles…nella scherma? Nel ciclismo? Nell’atletica? Nient’affatto. L’Ercole di Merano sbaragliò tutta la concorrenza della categoria fino a 110 kg, sollevamento pesi. Sì sì, avete letto bene. Oberburger entrò di diritto, immediatamente, nel gotha leggendario dello sport italiano poiché uno degli appena cinque atleti azzurri capace di conquistare una medaglia forgiata con il metallo più prezioso nella disciplina più “pesante” dei programmi olimpici.

Norberto, divenuto padre tre giorni prima della gara che lo avrebbe reso immortale, conquistò l’oro con un totale di 390 kg sollevati (175 kg di strappo e 215 kg di slancio), precedendo di ben 10 kg il secondo classificato, il rumeno Stefan Tasnadi. Il gallese Gary Taylor, tra i rivali più pericolosi, si arenò sui 202,5 kg dello sancio, mentre l’ultimo brivido lo provocò il colosso di casa Guy Carlton il quale, non appagato dal possibile argento, tentò il tutto per tutto a 225 kg. Ma l’impresa che gli avrebbe consentito di superare l’azzurro per 2,5 kg non gli riuscì nonostante il grande incitamento del pubblico statunitense.

Si trattò di un successo eccezionale, storico, da non sminuire con la “scusa” dell’assenza dei pesisti del blocco sovietico: erano 60 anni che un italiano non saliva sul gradino più alto del podio olimpico e, dopo l’altoatesino, nessun altro nostro connazionale è riuscito a mettersi al collo una medaglia del sollevamento pesi ai Giochi.

L’inarrivabile maestro Gianni Brera commentò così l’impresa di Oberburger.
“Splendido ed imponente. Lui e non altri immagino che avrebbe voluto a modello il celebre Fidia per scolpire le esagerose fattezze di Ercole… Immerge le mani nel cratere del talco, se le imbianca quasi compisse una precisa funzione liturgica, sacrale. Poi si avvicina al bilanciere e lo guarda senza apprensione, però con intenso rispetto. Infine si curva ad abbracciare il manico: aggiusta le prese, solleva fino al petto qui subdoli cerchi di ghisa, non meno pesanti di una vitella di un anno, e siede sui talloni affidandosi alla sola forza degli arti inferiori. Il peso sale ora per forza di cosce possenti. Le enormi braccia vengono tese e tremano, sollecitate allo stremo. L’omone rischia la vita, ma noi tutti ammiriamo il suo coraggio temerario, la tensione vibrante del suo corpo fidiaco. Interminabili secondi vengono scanditi dal nostro cuore che batte, non dal respiro, che tratteniamo quasi sgomenti. Poi il tonfo liberatore dei pesi sul piancito. Le braccia sollevate in un estremo omaggio a Ercole semidivino…”.
Inutile aggiungere altro.

 

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin
Storia delle Olimpiadi, ventottesima puntata: Giovanna Trillini
Storia delle Olimpiadi, ventinovesima puntata: la straordinaria pesistica italiana 1924
Storia delle Olimpiadi, trentesima puntata: Roberto Di Donna
Storia delle Olimpiadi, trentunesima puntata: l’Italia dell’hockey pista 1992
Storia delle Olimpiadi, trentaduesima puntata: il “due con” azzurro 1968
Storia delle Olimpiadi, trentatreesima puntata: l’oro della nazionale italiana di calcio 1936
Storia delle Olimpiadi, trentaquattresima puntata: Galliano Rossini
Storia delle Olimpiadi, trentacinquesima puntata: Patrizio Oliva
Storia delle Olimpiadi, trentaseiesima puntata: Giovanni Lombardi
Storia delle Olimpiadi, trentasettesima puntata: Uberto De Morpurgo
Storia delle Olimpiadi, trentottesima puntata: Giulio Gaudini
Storia delle Olimpiadi, trentanovesima puntata: il ciclismo italiano a Tokyo ’64

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Lascia un commento

Top