Tennis, WTA Brisbane: nella notte italiana si salva solo Roberta Vinci, nulla da fare per Sara Errani e Camila Giorgi

roberta-vinci_supertennis.jpg

E’ stata una nottata intensa per il tennis italiano, nella quale Roberta Vinci, Sara Errani e Camila Giorgi hanno disputato il primo turno del torneo WTA di Brisbane. A continuare l’avventura australiana sarà solamente la pugliese, poichè le altre due sono uscite di scena per mano rispettivamente di Belinda Bencic ed Angelique Kerber. Ma andiamo con ordine.

Nella prima sfida della notte, Roberta Vinci ha sconfitto la serba Jelena Jankovic con il punteggio di 3-6, 6-2, 6-4, al termine di un match durato oltre due ore.

Inizio di gara in favore della serba, capace di breakkare l’azzurra, prima di subire il controbreak. Segue un sostanziale equilibrio, rotto nel sesto gioco dalla potenza a servizio della ex numero 1 al mondo, che con due ace si porta a condurre 4-2. Roberta accorcia sul 4-3, ma è costretta a cedere il set per 6-3.

Nella ripresa la pugliese strappa il servizio all’avversaria al terzo gioco, portandosi avanti prima 2-1, e successivamente 3-1, dopo aver tenuto il turno in battuta nel quarto game. Il vantaggio di due parziali resiste fino al settimo gioco, quando la finalista degli US Open riesce a portarsi sul 5-2 al termine di ben 25 scambi. Il set si chiude con il punteggio di 6-2.

Nella terza frazione l’azzurra sfodera la grinta della campionessa, conquistando il servizio nel quinto gioco e passando a condurre 3-2. Nell’ottavo game arriva addirittura l’allungo sul 5-3, dopo nove serie di vantaggi. L’azzurra si porta così al secondo turno, dove affronterà Dominika Cibulkova, numero 38 del ranking mondiale.

Nulla da fare invece per Sara Errani, sconfitta con un netto 6-1, 6-2 dalla 18enne svizzera Belinda Bencic. La bolognese è apparsa troppo lenta al cospetto del veloce gioco dell’elvetica, che non ha avuto problemi a conquistare il secondo turno. Per Sarita un inizio di stagione da rivedere soprattutto sul piano atletico, ma gli Australian Open non sono ormai tanto lontani. Il dominio della classe ’97 si registra anche nelle statistiche, dove è praticamente infallibile (92%) nella seconda di ritorno.

Gara a due facce invece per Camila Giorgi. La maceratese ha dominato il primo set contro la forte tedesca Angelique Kerber, ma si è poi dovuta arrendere alla potenza della teutonica, numero 10 del ranking mondiale.

Nella prima frazione domina l’equilibrio. Sin dall’inizio, infatti, le due tenniste non hanno preso il largo, rispondendosi ad ogni game. Nel dodicesimo gioco arriva la svolta. Sul 6-5 in favore dell’azzurra, Kerber non riesce a tenere il servizio e cede il set 7-5. 

Nella ripresa Camila continua ad esprimere un ottimo gioco, reggendo la parità fino al 3-3. A questo punto la numero 10 del mondo alza il ritmo, costringendo la numero 35 del ranking Wta a perdere il servizio al settimo gioco. L’ottavo game segna il definitivo calo fisico dell’italiana. La tedesca, infatti, dopo 12 scambi riesce a portarsi sul 5-3, prima di chiudere 6-3 attraverso un nuovo break.

Giorgi è ormai sfinita e nel golden set non riesce più a giocare come vorrebbe, con la Kerber che vola al secondo turno con un netto 6-0. Rispetto al 2015, si registrano segnali positivi da parte dell’azzurra, che ha totalizzato appena due doppi falli. I progressi a servizio si notano anche negli ace, ben 4 nella sfida odierna.

Foto: pagina Facebook Supertennis

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianni.lombardi@oasport.it

Lascia un commento

Top