Speed Skating, Europei 2016: grande Italia a Minsk con Giovannini 5° e Lollobrigida nella Top 10

12342427_1659978880907672_382402144314047078_n.jpg

La seconda ed ultima giornata degli Europei 2016 di Minsk (Bielorussia) di speed skating suggella un’ottima prestazione delle spedizione italiana.

Lungo l’anello di ghiaccio della ‘Minsk Arena’, infatti, Andrea Giovannini, Francesca Lollobrigida e Nicola Tumolero si sono resi protagonisti di riscontri molto positivi, ben al di là delle più rosee previsioni. In particolare lo skater di Baselga di Pinè, grazie all’undicesimo posto nei 1500m (1’48″97) e soprattutto al quinto dei 10000m (13’41″39), ha conquistato un’importantissima quinta posizione nella graduatoria Allround con 153.484 punti. Un risultato eccezionale che da anni un atleta azzurro sui pattini non otteneva. Dovremmo rispolverare le pagine gloriose di un certo Enrico Fabris per intenderci, vincitore ad Hamar nel 2006, due volte argento a Collalbo (2007) e sempre Hamar (2010) e bronzo a Kolomna (2008). Certo siamo ancora decisamente lontani da traguardi così prestigiosi ma è altrettanto vero che il riscontro di Giovannini dà una grande iniezione di fiducia a tutto l’ambiente dello skating italiano, desideroso di soddisfazioni di questo genere. Tornando alla cronaca, la vittoria della rassegna continentale, come da pronostico, è andata all’olandese Sven Kramer, primo nelle prove dei 5000m e 10000m, a quota 150.102 e all’ottavo successo europeo. Il fenomeno orange ha preceduto il belga Bart Swings (150.464) e il compagno di squadra Jan Blokhuijsen (151.176). L’altro azzurro Nicola Tumolero ha concluso dignitosamente in 14esima piazza con 113.656 punti, mettendo in evidenza grandi miglioramenti sulle distanze del mezzofondo.

Immagine

Le belle notizie per il tricolore non si fermano qui. Come detto, anche Francesca Lollobrigida è degna di menzione per aver concluso ottimamente nella Top10 della classifica generale (ottava con 169.580), mantenendo lo stesso piazzamento del day 1 e disputando un ottimo 1500m in 2’01″90, undicesimo crono, vicino al suo personale (1’59″59) su un ghiaccio non velocissimo. L’ottava piazza sui 5000m (7’38″11) ha consentito a Francesca di concludere le proprie fatiche decorosamente. Nel duello per l’oro continentale è stata Martina Sablikova a spuntarla su Ireen Wust, grazie ai successi odierni nei 1500m (1’57″01) e 5000m (6’58″44 unica a scendere sotto il muro dei 7 minuti). Wust che deve accontentarsi della piazza d’onore (163.188), precedendo l’altra skater arancione Antoinette De Jong (164.043).

Immagine

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: profilo FB Andrea Giovannini

 

 

Lascia un commento

Top