Tuffi, Assoluti Bergamo 2015: Chiarabini trionfa anche da 1 metro! Dallapè ai Mondiali

Andrea-Chiarabini-2-tuffi-foto-paolo-maria-sacchi.jpg

E’ ancora un Andrea Chiarabini in stato di grazia il protagonista principale degli Assoluti 2015 di Bergamo. Il romano, dopo il super titolo di ieri da 3 metri, bissa il successo anche nella specialità non olimpica conquistando oro e pass per Kazan da 1 metro con 420.70 punti e un doppio e mezzo rovesciato raggruppato da 78. Con lui in Russia ci sarà Giovanni Tocci, praticamente già sicuro della qualificazione forte dei 431.20 punti degli Assoluti invernali, che fallisce il triplo e mezzo avanti raggruppato ed è solo quarto (362.40). I due si sono classificati rispettivamente undicesimo e quinto agli Europei di Rostock.

Sul podio salgono dunque Tommaso Rinaldi (386.65 con un errore proprio nel rovesciato) e Gabriele Auber, reduce dalle brillanti Universiadi (385.85). La gara, come anche quella di ieri da 3 metri, è dominata da Chiarabini e offre un grande spettacolo tra tutti i partecipanti di vertice. Lo stesso Rinaldi, fino all’errore, convince con un doppio e mezzo ritornato raggruppato da 75.95 e un triplo e mezzo avanti da 72. Ed emozionante si preannuncia anche il sincro di domani, con la nuova coppia Chiarabini/Tocci che proverà il sorpasso in extremis ai danni di Benedetti/Rinaldi forte dei 395 punti del GP di Bolzano. Il ct Giorgio Cagnotto deciderà proprio dopo quest ultimo test.

Maria Marconi, dopo il problema fisico che le ha rallentato la preparazione in primavera, torna in grande stile al successo nei 3 metri femminili oltrepassando il muro dei 300 punti e chiudendo a 307.50 pur sporcando il triplo e mezzo avanti carpiato. Elena Bertocchi, milanese che domani dovrà blindare proprio dall’assalto della romana il pass iridato da 1 metro, è argento con 293.25 che è anche il suo nuovo record personale. Bronzo per Francesca Dallapè (291.20, un passo indietro rispetto ai 303.75 dell’eliminatoria). Ai Mondiali di Kazan, comunque, insieme alla plurimedagliata europea Tania Cagnotto ci sarà la sua compagna di sincro Dallapè, sempre costante in stagione, quarta a Rostock e bronzo al recente GP di Bolzano.

Non si sono disputate le gare sincro dalla piattaforma a causa dell’infortunio al pollice accusato da Maicol Verzotto al Grand Prix di Bolzano. L’altoatesino avrebbe dovuto saltare per le ultime prove pre Kazan con Francesco Dell’Uomo nel tradizionale e con Noemi Batki nel misto.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Paolo Maria Sacchi/Ag. Vasconti

Lascia un commento

Top