Tour de France 2015: Quintana, occhio alle imboscate

Ciclismo-Nairo-Quintana-Twitter-Movistar-Team.png

Nibali, Contador, Froome…Quintana. Sfogliando la margherita dei favoriti per il Tour de France 2015, lo scalatore colombiano occupa un posto d’onore.

A ben pensarci, comunque, fa male pensare che almeno uno di questi quattro straordinari campioni resterà fuori dal podio dei Campi Elisi: in ogni caso, Nairo Quintana farà di tutto per non essere l’escluso, anzi ha tutte le carte in regola – al pari degli altri – per mettere in fila la concorrenza e poter portare in valigia la maglia gialla.
Quest’anno, il venticinquenne di Boyacà ha corso poco e bene, rispettando scrupolosamente il programma per avvicinarsi nel modo migliore alla Grande Boucle: podio al Tour de San Luis, trionfo alla Tirreno-Adriatico, fase di scarico tra Paesi Baschi e Romandia, infine una Route du Sud disputata ad altissimo livello.

Nella breve corsa francese ha infatti chiuso alla piazza d’onore distaccato di appena 17” da Contador, un vero antipasto di uno dei duelli attesi al Tour: oltretutto, la differenza in questione è stata marcata in discesa e non salita. Ed è proprio a questo che Nairo dovrà stare attento nelle tre settimane in cui si battaglierà per la maglia gialla: non tanto alle amate vette alpine e pirenaiche dove sa, quando è in giornata, di non avere rivali, e nemmeno ai 41 km complessivi di cronometro individuale dove potrebbe accusare qualcosa dai rivali.

No, Quintana, pur circondato da validi compagni (Valverde, Anacona, Castroviejo, Capecchi), dovrà guardarsi dalle imboscate: da quei terreni insidiosi, tipici delle grandi classiche del Nord, che un anno fa eliminarono Froome e Contador avvantaggiando sensibilmente Vincenzo Nibali; e persino dalle discese, dove proprio Nibali e ancora il Pistolero sanno inventarsi numeri da urlo. Il Tour di Quintana si deciderà in questi frangenti.

foto: Twitter Movistar Team

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

Lascia un commento

Top