Judo, Europei Baku 2015: l’Italia rompe il digiuno, Galeone regala il bronzo alle Azzurre

Judo-Assunta-Galeone-IJF.jpg

Per il quarto anno consecutivo l’Italia si apprestava a chiudere i Campionati Europei di judo senza medaglie. Ma proprio all’ultima possibilità, quella della prova a squadre femminile, le Azzurre sono riuscite nell’impresa di salire sul terzo gradino del podio. Dopo la sconfitta patita con la Slovenia per 3-2, dove solamente Odette Giuffrida ed Edwige Gwend erano riuscite a vincere i rispettivi incontri, l’Italia ha avuto la possibilità di rifarsi nel match per il bronzo con la Russia, sulla carta favorita.

La Russia, tra l’altro, sembrava aver ipotecato la vittoria dopo i primi due incontri, con Yulia Ryzhova che ha sconfitto per yuko Odette Giuffrida (52 kg) ed Irina Zabludina che ha inflitto un ippon a Giulia Quintavalle (57 kg). La rimonta è stata lanciata da Edwige Gwend, che nella categoria 63 kg ha battuto per ippon su osaekomi Marta Labazina, cancellando la brutta prestazione dell’individuale. Poi, Giulia Cantoni (70 kg) ha retto alla perfezione il confronto con Irina Gazieva, pareggiando i conti grazie al numero di shido favorevole all’azzurra.

A quel punto, tutto era in mano ad Assunta Galeone e ad Anastasiya Dmitrieva, le due protagoniste della sfida delle +70 kg: quando il match sembrava essere destinato a risolversi ancora una volta per il conteggio degli shido, l’azzurra è riuscita a mettere a segno uno yuko ed a gestire il vantaggio nei secondi finali, regalando all’Italia il bronzo.

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top