ESCLUSIVA | Judo, Carmine Di Loreto verso Baku 2015: “Un trampolino di lancio”

Judo-Carmine-Di-Loreto.jpg

Giovane judoka campano (proprio quest’oggi compie ventidue anni), Carmine Di Loreto è l’attuale numero uno italiano della categoria 60 kg. Vincitore di numerose medaglie a livello junior, tra le quali spicca il bronzo europeo del 2012, Carmine ha ottenuto l’anno scorso un quinto posto al Grand Prix di Zagabria come miglior risultato tra i senior. Ai Campionati Europei/European Games di Baku 2015 sarà il rappresentante azzurro della categoria di peso più bassa.

I Campionati Europei/European Games di Baku rappresenteranno per te una grande occasione per metterti in mostra. Qual è il tuo obiettivo?

Sì, Baku per me è un bel trampolino di lancio. Quest’anno ho potuto dare poca continuità alle gare a causa di diversi infortuni, ma ora sto bene e voglio vincere!

Lo scorso anno hai effettuato il tuo esordio europeo a Montpellier, ma sei uscito al primo turno. L’esperienza della passata edizione sarà un’arma in più questa volta?

L’anno scorso è stata un po la tensione a frenarmi, ma quest’anno ho voglia di fare bene

Come sta andando la preparazione verso Baku?

La preparazione a questi Giochi Europei procede bene. Dopo una lunga trasferta di venti giorni in Giappone e Corea, ora siamo in Slovenia per un training camp e poi saremo ad Ostia per la rifinitura prima della partenza

Quali credi che siano i favoriti nella tua categoria?

I favoriti sono senz’altro il l’azero (Orkhan, ndr) Safarov, il georgiano (Amiran, ndr) Papinashvili ed il russo (Beslan, ndr) Mudranov. Ma ogni gara ha una storia a sé

Attualmente sei il miglior italiano tra i 60 kg, ma sei distante dalla zona di qualificazione olimpica. Quali saranno i tuoi prossimi appuntamenti per cercare il pass per Rio 2016?

Per ora il mio appuntamento è Baku. Dopo questa gara vedremo come procedere per il futuro

Tu sei uno dei tanti judoka campani della nazionale italiana. Cosa credi che abbiano gli atleti della tua regione in più rispetto agli altri?

Non c’è un segreto vero e proprio. La mia fortuna è di aver trovato il mio maestro Raffaele Parlati che ha dedicato la propria vita al judo e che ha trasmesso a noi atleti la stessa passione e lo spirito di sacrificio! Questo ti porta avanti

Puoi dirci qual è la tua tecnica favorita e spiegarcene l’esecuzione?

La mia tecnica preferita è il Morote-Seoi-Nage in ginocchio! In pratica. io creo tanto movimento, mi infilo velocemente tra le gambe dell’avversario e lo proietto“.

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top