Seguici su

Basket

Umana Reyer Venezia Campione d’Italia! Terzo scudetto orogranata nel basket femminile, Schio battuta anche in gara-3 nella finale

Pubblicato

il

Awak Kuier
Kuier / Ciamillo

L’Umana Reyer Venezia è Campione d’Italia nel basket femminile per la terza volta nella sua storia. Per la prima volta dalla stagione 2015-2016 una serie di finale scudetto finisce per 3-0. La squadra di coach Andrea Mazzon espugna il PalaRomare per 74-80 chiudendo le speranze del Famila Schio, che non ha più il tricolore in mano dopo due stagioni di fila (sempre Venezia gliel’aveva tolto nel 2021). Spettacolare la partita di Awak Kuier, 24 punti, ma decisive anche Lisa Berkani con 15 e Matilde Villa con 14. Per Schio 14 di Dorka Juhasz e Arella Guirantes, 13 di Robyn Parks.

Pronti via e Schio riesce subito a far capire di non voler lasciare la serie per strada. Reisingerova e Juhasz partono con il 5-0 di parziale, con la pronta reazione di Venezia affidata a Villa. Anche Verona, prima che l’avere due falli a carico la tolga temporaneamente dalla partita, mette insieme punti importanti. Villa porta in vantaggio la Reyer sul 10-11, poi si accende Sottana (e fa accendere, come Parks capisce presto) e il Famila è avanti 19-15 dopo 1o’.

Il momento molto positivo di Schio continua nel secondo quarto, soprattutto con due chiavi: un po’ di difesa in più, Keys che in attacco è un problema per la difesa orogranata. Questo, unito a una Shepard meno incisiva del solito, significa 27-19 Famila. Sottana e Guirantes portano le padrone di casa sul 32-22, ma nei successivi quattro minuti e mezzo, gli ultimi del periodo, il canestro semplicemente si tappa. Dall’altra parte accorciano Kuier, Pan, Cubaj e Fassina (tripla sulla sirena), approfittando anche di un paio di brutte rimesse casalinghe: all’intervallo è 33-32.

Basket, la Virtus Bologna travolge Tortona in gara-5 e accede alle semifinali Scudetto

La rottura prolungata di Schio continua al ritorno sul parquet, e Venezia va subito avanti con Kuier. Passano tre minuti senza segnare, poi Berkani realizza in transizione con l’appoggio. Schio interrompe otto minuti di digiuno con Juhasz, che poi pareggia a quota 38 e sorpassa ancora da tre. Per Kuier arriva la risposta con la stessa moneta: due triple e timeout per Dikaioulakos. Il parziale veneziano, però, continua e diventa di 0-10. Sottana non si arrende e sblocca le padrone di casa da tre, per poi chiudere il terzo quarto con una magia delle sue: 48-52 con 10′ da giocare.

Tantissimo l’equilibrio al rientro in campo, con Verona e Keys da una parte e Villa dall’altra a brillare in misura più elevata del resto delle giocatrici. Contro la numero 6 veneziana duella offensivamente, poi, anche Guirantes, ma in generale sono gli attacchi a far fuoco. Kuier da tre piazza il 60-65 respingendo l’ennesima avvisaglia di aggancio scledense, la segue Berkani per il +7 e a 5’08” dalla fine c’è timeout. Ancora Guirantes fa ripartire il Famila, Parks non dichiara la tabellata frontale da tre ed è 65-67 a 4’01” dalla fine: Mazzon chiama minuto, ma non basta, perché Verona corre verso canestro per il pari a quota 67.

Kuier fa 1/2 in lunetta, di errori usuali e non se ne vedono, Berkani fa 2/2, entra Sottana e serve Keys: tripla, 70-70, poi transizione 3 contro 1, lunetta per Juhasz e 1/2 per il 71-70 a 1’30” dal termine. Berkani prende spazio, tira dalla media e fa il 71-72. Poco dopo Sottana fa commettere il quarto fallo a Villa, poi dentro per Juhasz, che serve in angolo Parks: tripla, 74-72 a -55″4. Kuier non ci sta, batte Keys, segna e subisce il fallo, realizza l’aggiuntivo ed è 74-75 a -45″. Sottana tenta di prendere l’autostrada al centro, ma il sottomano rovesciato le esce; dall’altra parte in lunetta ci va Villa a -17″6, solo che l’instant replay decreta l’antisportivo di Keys nel tentativo di fermare l’azione. Fa 1/2, poi sulla rimessa Crippa commette fallo su Berkani ed è 2/2: 74-78. Timeout, Juhasz da tre vede la palla sputata via dal ferro. Le speranze di Schio finiscono praticamente qui: la festa parte dopo gli ultimi due liberi di Berkani. MVP della finale, e non potrebbe essere altrimenti, Kuier.

FAMILA WUBER SCHIO-UMANA REYER VENEZIA 74-80

SCHIO – Juhasz* 14, Bestagno, Sottana 10, Verona* 9, Guirantes* 14, Mutterle, Crippa, Parks* 13, Keys 11, Penna, Reisingerova 3. All. Dikaioulakos

VENEZIA – Logoh ne, Berkani 14, Villa* 14, Nicolodi, Pan 5, Meldere ne, Held*, Cubaj 6, Fassina* 11, Santucci, Shepard* 5, Kuier* 24. All. Mazzon